Windows 10 in ufficio: un nuovo alleato

Guida all'acquisto
31/10/2017 Monclick 1129

Il più recente sistema operativo di Microsoft esprime al meglio le sue potenzialità nel contesto lavorativo, anche grazie all'assistente personale Cortana. Il verso asso nella manica, però, è la sua versatilità: infatti lo troverete particolarmente valido grazie alla suacontinuità su tablet e sistemi ibridi. 



Oggi chiunque può dire di avere un'assistente personale. Cortana, l'assistente virtuale integrato in Windows 10, ci accompagna nella routine lavorativa assicurandosi che non ci sfugga nulla. Si possono impostare dei promemoria per uno specifico orario o luogo, in modo da non dimenticarsi i propri impegni o le commissioni da portare a termine; Cortana ci può perfino avvisare sulla situazione del traffico sulla strada per il lavoro, consigliandoci magari di uscire un po' prima. E se per lavoro si viaggia tanto, il nostro assistente virtuale terrà traccia dello stato dei voli in maniera automatica (ricava le informazioni dalle mail solo dopo aver concesso il permesso). Infine, se si dispone di uno smartphone Windows 10, Cortana ci può notificare su tablet e PC di eventuali chiamate perse. Il bello di tutto ciò sono sia le funzionalità integrate, sia (ancora una volta) l'interpretazione di Windows 10 non come sistema operativo ma come ecosistema: Cortana funziona sì su smartphone Windows 10 Mobile, ma anche su PC, sui tablet e sui desktop, e non considera questi dispositivi come isole indipendenti ma come strumenti che fanno tutti capo alla medesima persona (persona di cui Cortana è l'assistente personale).Basta abbinare tutti i dispositivi al medesimo account Microsoft.

Scopri la gamma di notebook Windows 10

Insomma, Windows 10 è un ecosistema completo che dà il meglio di sé se si utilizzano più dispositivi basati sullo stesso sistema operativo. Tuttavia, non sfigura neanche quando si vogliano utilizzare smartphone Android e iOS. OneDrive è cross-platform, il che vuol dire che potremo consultare i documenti, le immagini e tutti gli altri file anche su dispositivi non-Windows. Lo stesso dicasi per Cortana: se opportunamente configurata, possiamo impostare dei promemoria sul PC e riceverli sul telefono, ad esempio, quando raggiungiamo una specifica destinazione. Analogamente, potremo ricevere le notifiche delle chiamate perse su PC, indipendentemente dal sistema operativo installato sul nostro smartphone. Infine, Windows 10 supporta nativamente la sincronizzazione dei contatti registrati sugli account Gmail e iCloud, per garantire una transizione fluida all’ecosistema targato Microsoft.

Scegli il tuo assistente vocale

Windows 10 in ufficio: PC, convertibili e tablet
Windows è sempre stato sinonimo di produttività e Windows 10 non è da meno. Anzi, Windows 10 è stato progettato riportando il mondo del lavoro al centro del villaggio. Dopo la parentesi di Windows 8, l'ultima versione di Windows ha visto un ritorno alla tradizione, con la ricomparsa dell'apprezzatissimo menu start e l'introduzione di tante funzionalità. Solo per citarne un paio, ci sono un multitasking potenziato ed una migliore accessibilità ai contenuti, indipendentemente dal luogo in cui questi si trovino. A prescindere dal dispositivo prescelto, Windows 10 sa adattarsi alle modalità di input preferite. Quando si dispone di mouse e tastiera c’è la classica modalità desktop, ma quando si ha uno schermo touch e magari di un pennino, si può abilitare la “modalità tablet”, che rende tutto più touch-friendly. Recentemente è stato inserito anche Windows Ink, un mondo tutto nuovo dedicato ai pennini attivi: un’area di disegno, post-it virtuali e “note su schermo” a portata di click. .

Il PC desktop resta la macchina da lavoro più diffusa nell'ambito d'ufficio, e oggi queste nascono con Windows 10 preinstallato. I PC desktop possono essere configurati con un'ampia gamma di processori, schede video, RAM e spazio di archiviazione: dalle macchine efficienti con processori Intel Core i3, fino a quelle che offrono la potenza bruta con i processori Intel Core i7 di ultima generazione, passando per la soluzione intermedia dell'Intel Core i5. Ma quando queste macchine devono essere utilizzate per il classico lavoro d’ufficio, che consiste magari nella gestione di documenti, email e pagine internet, non è il processore a fare tanto la differenza, quanto piuttosto la periferica d'archiviazione: gli SSD sono l'ultima frontiera in questo campo e conferiscono alla macchina tempi di accensione e scrittura senza paragoni. In ambito business non può esistere una sola configurazione consigliata, poiché tutto dipende dall'uso che se ne fa e dello scopo per cui viene usato: andiamo dalle macchine versatili, meglio se con SSD, a quelle più potenti e con schede grafiche di ultima generazione per chi – per esempio – lavora con la grafica e con il video.

E poi c'è il discorso dell'estetica, che in una postazione da ufficio è tutt'altro che secondaria: si può optare per un bel monitor di design oppure scegliere un All-In-One, PC “tutto in uno” che coniuga la potenza dei classici desktop all’eleganza e alla compattezza. Nonostante l'iMac di Apple sia l'icona della categoria, non mancano le soluzioni dal look raffinato e buona potenza anche in casa Windows 10. A proposito di compattezza, è ancora più recente la tendenza ad adottare la soluzione dei mini-PC, piccole “scatolette” che, per quanto siano teoricamente meno potenti, occupano pochissimo spazio e sono efficienti e tendenzialmente molto silenziose, il che le rende ideali per uffici affollati con configurazioni multi PC.

I notebook restano la prima frontiera del lavoro in mobilità e ancora la più diffusa. Windows 10, qui, è un must: nonostante tutte le innovazioni tecnologiche di questi ultimi anni, quando si cerca la potenza di calcolo a tutti i costi abbinata alla possibilità di portare con sé il proprio PC, non c'è storia, il notebook è insostituibile. Per contro, se la priorità è avere un dispositivo da portare sempre in borsa, con una batteria che duri tutta la giornata, la soluzione giusta è un ultrabook: leggero, sottile e spesso accompagnato da un look premium. Tra le armi migliori degli ultrabook c’è senz'altro la reattività conferitagli dagli SSD, che non mancano quasi mai. L'utrabook, poi, è un must quando si parla di produttività mobile: è leggerissimo, portarselo in giro non dà nessun fastidio e inoltre, trattandosi di un prodotto di classe "premium", c'è anche tutta la potenza necessaria per lavori di routine e per quelli più impegnativi.

Ci sono poi i tablet Windows 10, che hanno il loro perché in molti contesti: portabilità e leggerezza uniti alla possibilità di "toccare con mano" i contenuti visualizzati sul display. Alcuni integrano perfino dei pennini che consentono di scrivere a schermo quasi come sulla carta. Infine, c’è tutta una famiglia di dispositivi ibridi che prende il nome di convertibili 2 in 1. Rientrano in questa fattispecie sia gli ultrabook con schermo touch che ruota di 360 gradi e consente di utilizzare il dispositivo come un tablet, sia i tablet che si agganciano (in maniera meccanica, magnetica o altro) ad una tastiera, che dispone frequentemente anche del trackpad. E qui viene fuori il grande vantaggio di Windows 10: con l'aggancio di una tastiera esterna, il tablet diventa notebook a tutti gli effetti, sia sotto il profilo hardware che software.

Non sono rari i prodotti che offrono in bundle o a parte dei pennini capacitivi o attivi: nel primo caso il vantaggio è la compatibilità con tutti i dispositivi e il costo irrisorio, nel secondo la qualità del tratto. È proprio la duttilità offerta da queste ultime categorie di prodotti che ha determinato il grande successo riscosso dai convertibili 2 in 1. In mobilità possono essere utilizzati come tablet, ma quando è il momento di sedersi ad una scrivania, diventano dei veri e propri PC, che possono anche essere collegati ad un monitor esterno.

LE PROPOSTE
Ultrabook Un ultrabook che fa della potenza e della portabilità il suo forte. Il display Full HD non touch è il perfetto compromesso tra risoluzione e autonomia della batteria su una diagonale da 13 pollici. L’autonomia infatti si spinge fino alle 11 ore, nonostante un processore Intel Core i7, coadiuvato da 8 GB di RAM. A completare il quadro c’è un modulo SSD M.2 con interfaccia PCIe da 256 GB che garantisce accensione, ripresa delle operazioni e apertura dei file rapidissimi. Nonostante tutto è leggerissimo, pesando meno di un chilo, e garantisce fino a 11 ore di utilizzo continuativo con la sua batteria a 4 celle.
Notebook Un notebook classico, senza fronzoli, ma che fa il suo dovere senza costare un occhio della testa. L’ampio display da 15,6 pollici è perfetto per sessioni prolungate di lettura e scrittura di documenti e mail. Il processore Intel Core i5 di settima generazione ha tutta la potenza che serve (e anche di più) per il classico lavoro d’ufficio e quando il gioco si fa duro, entra in azione anche la scheda grafica discreta AMD Radeon 520, con i suoi 2 GB di RAM dedicata. Il disco rigido da 1 TB offre tutto lo spazio di cui si può aver bisogno.
Notebook Un ultrabook compatto dalle linee eleganti che si fregia di una finitura metallizzata di ottima fattura. Nonostante sia un 15,6 pollici, pesa appena un chilo e mezzo ed ha le dimensioni tipiche di un portatile da 14 pollici. Ha potenza da vendere, con il processore Intel Core i7 di settima generazione, 8 GB di RAM e una scheda grafica NVIDIA GeForce 940MX che entra in gioco quando serve. Ha tutte le connessioni che possono servire: ben 3 porte USB, una porta HDMI, uno slot per le schede SD e perfino una porta USB Type-C, per un’espandibilità ai massimi livelli.
Ultrabook Un convertibile dal look moderno, con un’anima camaleontica. La cerniera permette di ruotare il display fino a 360 gradi, scegliendo l’angolazione migliore per la digitazione, la presentazione di un PowerPoint o magari per la scrittura con il pennino opzionale. Il display con tecnologia IPS è ampio (15,6 pollici) e luminoso, ma nonostante questo c’è un’autonomia ragguardevole: si raggiungono fino alle 10 ore in mobilità. Per non farsi mancare nulla, c’è anche una scheda video discreta: la NVIDIA GeFroce GTX 1050, che è il top per gli ultrabook e i 2-in-1.
Tablet La massima espressione della versatilità, che calza a pennello al professionista sempre in movimento. Incarna alla perfezione lo spirito di Windows 10, trasformandosi per ogni esigenza: con la tastiera agganciata è il più classico degli ultrabook, ma sganciandola si trasforma in un tablet pronto ad ogni evenienza, anche grazie al pennino con tecnologia Wacom incluso. I materiali premium ed elementi progettati con precisione micrometrica, come le cerniere ispirate al cinturino degli orologi, gli donano un’eleganza ed una ricercatezza senza eguali.