Stampante fotografica HP Sprocket Plus: la recensione

News
30/03/2018 Maria Antonia Frassetti 824

Se ami scattare foto con lo smartphone per condividerle sui social e vorresti poterle stampare al volo, HP Sprocket Plus è la soluzione che fa per te. Ecco tutto quello che devi sapere su questa stampante fotografica portatile.

In un’era sempre più digitale, sembra essere tornata di moda la fotografia istantanea. Sprocket Plus ne è la conferma, pur preservando un forte legame con il web e con il mondo social. Di cosa sto parlando? Della nuova stampante fotografica portatile di HP che permette non solo di stampare istantaneamente su carta le foto dal proprio smartphone, ma anche di personalizzarle e condividerle sugli account social ovunque ci si trovi. Ho testato questo device per un po’ di giorni e devo ammettere che mi sono divertita molto. Il punto di forza di HP Sprocket Plus sta proprio nella capacità di unire sapientemente due realtà così diverse tra loro (quella digitale e quella analogica), senza dimenticare le esigenze di mobilità che caratterizzano la nostra vita quotidiana. In questa recensione ti voglio raccontare tutti i dettagli del mio test. Partiamo dalla scheda tecnica.
HP Sprocket Plus: caratteristiche tecniche
Questa stampante fotografica si presenta nella forma di un box molto leggero e compatto, grande poco più di uno smartphone. La dotazione è essenziale: la parte superiore (quella con il logo) è costituita da una cover staccabile che permette di caricare la carta fotografica (rigorosamente con la parte lucida rivolta verso l’alto). Ai lati sono presenti un pulsante per l’accensione/spegnimento del device e un connettore Micro USB per la ricarica. A questi si aggiunge una spia colorata che segnala il livello di carica, la presenza di errori (ad esempio, l’inceppamento della carta) e lo stato di avvio/funzionamento. Non c’è altro, nemmeno un display o uno slot per la memory card. Infatti la stampante viene gestita interamente da smartphone  o tablet attraverso la connessione Bluetooth e l’app dedicata HP Sprocket, scaricabile gratuitamente per iOS e Android

Le stampe a colori vengono prodotte con tecnologia ZINK (zero ink) e hanno una qualità massima di 313 x 400 dpi. Il formato è di 5,8 x 8,6 cm (2,3” x 3,4”), quindi decisamente piccolo. All’interno della confezione, oltre alla stampante portatile, troviamo: il cavo micro USB da 60 cm per la ricarica, la carta fotografica adesiva HP ZINK (10 fogli), la garanzia e il documento sulla normativa. Il dispositivo e l’app sono talmente intuitivi e facili da utilizzare che non c’è nemmeno un manuale d’uso.

Leggi la scheda completa qui
Prestazioni 
Le performance sono sicuramente soddisfacenti. Quello che mi ha colpito è la velocità di configurazione e, successivamente, la rapidità di stampa. Dopo aver scaricato l’app dedicata, ci vuole davvero pochissimo a collegare e a far dialogare tra di loro lo smartphone e HP Sprocket Plus. Basta seguire le indicazioni fornite dall’applicazione e il gioco è fatto. Si può subito iniziare a stampare. Per quanto riguarda la stampa vera e propria, anche qui il processo è molto rapido. Si scatta la foto che si vuole stampare direttamente dall’applicazione oppure si recupera un’immagine salvata nella galleria o già pubblicata sui social media (anche in questo caso in modo diretto, senza doverla scaricare in precedenza sul telefono). 

Prima di lanciare la stampa, le foto possono essere ritoccate e personalizzate, aggiungendo filtri, cornici, testi e emoji di vario tipo. Ci si può davvero sbizzarrire, scegliendo tra un’ampia selezione di contenuti creativi ed elementi grafici. Quando si è soddisfatti del risultato, basta premere il pulsante di avvio: un attimo di silenzio, dopo di che si sente un leggero ronzio che preannuncia la stampa. La foto viene stampata in meno di un minuto e fatta fuoriuscire dall’apposita fessura frontale
A questo punto cosa puoi fare? Puoi decidere di conservare le foto nel tuo portafoglio oppure di attaccarle su una qualsiasi superficie, essendo adesive. Io ho incollato le mie sul frigorifero, ma ci sono molte altre possibilità: quaderni, libri, bacheche, armadietti, scrivanie, comodini e specchi (giusto per citarne qualcuna). Insomma, il formato così piccolo e la carta adesiva ti consentono di tenere con te oppure di mettere ovunque tu voglia i ricordi a cui tieni di più. Ma non finisce qui: le foto personalizzate e decorate usando l’app possono anche essere condivise immediatamente su Facebook, Instagram e Google, così da mostrare a tutti gli amici il risultato del tuo estro creativo.

HP Sprocket Plus - Design 
Il design è sicuramente un altro valore aggiunto di questa stampante fotografica portatile. Io ho avuto in test la versione “femminile”, di colore bianco lucido con i profili dorati (c’è anche la variante “maschile” nera coi dettagli bianchi). Pur essendo realizzata in materiale plastico, la sensazione generale è di avere tra le mani un device elegante, dallo stile minimal e moderno. A colpire sono anche le dimensioni molto contenute, che rendono questo dispositivo votato alla mobilità. Giusto per farti capire: è poco più grande di uno smartphone (142 x 89 x 18 mm) e sta nel palmo di una mano. Inoltre è leggerissimo: pesa appena 200 grammi. Io l’ho tenuto comodamente in borsa e l’ho portato in giro senza alcun tipo di problema. 
Qualità di stampa
Passiamo al livello qualitativo delle foto stampate. Come ho detto all’inizio, le stampe non vengono realizzate mediante inchiostro, di conseguenza non ci sono cartucce o toner da sostituire quando si esauriscono. Questo è sicuramente un grande vantaggio! La tecnologia di base (ZINK) è quella sviluppata in origine da Polaroid: il colore è incorporato nella carta fotografica stessa e viene fuori attraverso un processo di trasferimento termico. Questo sistema incide sulla qualità delle foto, che non è comparabile a quella che si ottiene con l’utilizzo dell’inchiostro.

Nonostante questo aspetto, il risultato è sicuramente soddisfacente per la tipologia di foto e per l’uso che se ne fa. Non aspettarti colori accessi e realistici con dettagli ben definiti. In linea generale, le immagini appaiono un po’ sbiadite e piatte rispetto all’originale. Di certo la fedeltà cromatica non è lo scopo principale di questo device: Sprocket Plus vuole essere un accessorio smart e divertente con cui realizzare istantanee al volo quando e dove si vuole. Un’ultima annotazione sulla carta fotografica: è resistente a strappi, acqua e usura. Inoltre, quando finisce, può essere ordinata e acquistata direttamente dall’app.
HP Sprocket Plus - Giudizio finale
Una stampante fotografica di questo tipo è sicuramente pensata per un pubblico giovane che usa con frequenza i social media, ma anche per chi (come me) ama scattare foto con lo smartphone e giocare con le immagini. Il punto di forza di Sprocket Plus non è tanto la qualità delle foto stampate, quanto piuttosto la capacità di coniugare in un solo device esperienze diverse, dalla condivisione social per restare in contatto con amici e familiari al piacere della vecchia carta stampata, seppur istantanea. Il divertimento è assicurato, grazie anche alla facilità di utilizzo e all’intuitività dell’app che permettono di dare libero sfogo alla propria creatività tutte le volte che si vuole.