Sim racing sempre più avanzato con i simulatori F1 di Wave Italy e ASUS ROG

News
25/03/2019 Alessandra Basile 329

Siamo stati all'inaugurazione di un nuovo centro di simulazione guida che, grazie agli innovativi simulatori F1, permette ai Sim racer e ai piloti professionisti di allenarsi come se fossero veramente in pista.

La vera sfida dei simulatori di guida è quella di riuscire a restituire a chi sale a bordo esattamente le stesse sensazioni che si proverebbero su una vera macchina in pista durante una gara: il rombo del motore, le vibrazioni del sedile, il feedback del volante, la pressione sulla pedaliera e la pista che sfreccia tutto intorno a te. Nel 2015 nella storica Maranello è nata Wave Italy, un'azienda tutta italiana che si occupa a 360 gradi di simulatori di guida: dalla progettazione e sviluppo dei prototipi, fino alla produzione, vendita e assistenza dei sim racing simulator. Una sfida di questo tipo, però, richiede il meglio della tecnologia ed è per questo che Wave Italy si è affidata ad ASUS che con la linea Republic of Gamers (ROG), ha fornito l'hardware necessario per realizzare i simulatori F1 presenti nel nuovo centro di guida a San Martino Buonalbergo, alle porte di Verona. Sono stata all'inaugurazione e ho provato diversi sim racing simulator, nelle prossime righe ti racconto tutto di quest'esperienza.
 

Il Racing Simulation Center e il Professional Training Center

Nel nuovo centro di simulazione guida Wave Italy potrai cimentarti con due diverse tipologie di sim racing. In primis, troverai il Racing Simulation Center, vale a dire una batteria di quattro simulatori GT su cui potrai allenarti grazie al race simulation software, ma anche alle postazioni di guida innovative realizzate con l'hardware ASUS. Potrai correre da solo, con i tuoi amici oppure fare delle gare di sim racing in contemporanea. Puoi addirittura collegarti in rete con gli altri sim racer nel mondo e sfidarli su uno dei circuiti disponibili.
Troverai poi il vero e proprio Professional Training Center: si tratta di una coppia di simulatori F1 Phoenix Pro collegati tra loro, quindi se vorrai potrai allenarti in "modalità competizione". Ovviamente non sarai da solo: sarai assistito da un Driving Coach che, grazie alla telemetria in tempo reale, potrà darti i consigli migliori per raggiungere un’esperienza di guida davvero elettrizzante.

Quindi, in totale da Wave Italy a Verona avrai a tua disposizione 6 postazioni dinamiche di sim racing e potrai scegliere tra le vetture Gran Turismo o le monoposto dei simulatori di guida Ferrari.
Come ti dicevo all’inizio di questo articolo, rendere l'esperienza di guida più realistica possibile è sicuramente l'aspetto più sfidante. Sono diversi gli ingredienti di questa ricetta: volanti professionali che integrano tutte le funzioni normalmente utilizzate da un vero pilota, compresa la ripartizione di frenata, livello di traction control e visualizzazione dei dati principali direttamente sul volante stesso, pedaliere che permettono pressioni sul freno fino 100 kg, schermi in grado di offrire immersività, fluidità di azione ed accuratezza visiva e, per finire, elevata capacità di calcolo, necessaria per supportare i motori grafici e l’elaborazione dei dati in tempo reale. È proprio qui che entra in gioco, anzi in pista, ASUS.
 

La tecnologia ASUS ROG scende in pista con il sim racing

Restituire un feedback potente, ma accurato, riprodurre le stesse sensazioni fisiche e visive di una gara in pista, tutto questo è stato possibile grazie all'utilizzo dei componenti ASUS Republic of Gamers (ROG). La gamma completa ASUS ROG infatti include schede madri, schede grafiche, soluzioni di networking, monitor (tra cui il nuovissimo monitor XG49VQ curvo da 49") e periferiche dedicate. Ma non finisce qui, troverai infatti anche i monitor gaming, flat e curvi, che per la loro risoluzione e per il refresh rate rappresentano la soluzione ideale, in abbinamento ai PC Powered by ASUS, per assicurare un’esperienza sui simulatori di guida veramente realistica ed immersiva.
 

La prova sui simulatori di guida

Non era la prima volta che provavo un sim racing simulator, ne avevo provati altri studiati per le gare rally e da Wave Italy mi sono cimentata sia con una delle postazioni GT, sia con il simulatore professionale F1.
La postazione GT può avere lo schermo piatto o quello curvo che rende l'esperienza di simulazione di guida ancora più realistica ed avvolgente. Il volante è estremamente reattivo, quindi dovrai imparare a controllarlo con la dovuta precisione. Le cuffie ASUS ROG ti faranno dimenticare della stanza attorno a te in quanto cancellano totalmente il rumore circostante, però vi potrai sentire i commenti degli altri sim racer con cui stai correndo.
Ma il Professional Training Center è altra cosa. Un’esperienza di guida elettrizzante e galvanizzante. Confesso di essermi avvicinata a questo simulatore F1 con un certo timore: parliamo di una stanza totalmente a sé con un simulatore di guida Ferrari al centro e un megaschermo che ti avvolge. Alle tue spalle, la cabina di controllo con la telemetria in live timing. Se vorrai, potrai sistemare il tuo smartphone su un supporto posizionato sul cockpit per riprendere la tua guida. Dopo di che si entra nella monoposto: guanti, cinture di sicurezza, attesa febbricitante del semaforo verde e via. Come è stato giustamente fatto notare a me prima della partenza, la parte più difficile è la gestione del freno: occorrerà esercitare una pressione non indifferente per ottenere l'effetto desiderato. Ma anche questo fa parte del sim racing. Dovrai allenarti un po' e prendere le misure. Ma credimi quando ti dico che è stato veramente entusiasmante. Se l'obiettivo iniziale era quello di proporre un simulatore di guida realistico, beh i ragazzi di Wave Italy e ASUS ci sono riusciti davvero. Ti basti sapere che sono uscita dal simulatore con le gambe che tremavano. L'importante è non avere paura e, come mi ha detto il mio driving coach: pensa solo a vivere l'esperienza di guida.