Scuola 2.0: il modello WeSchool

News
29/08/2017 Massimo Cotugno 1059

Anche i docenti possono ottenere i superpoteri. Scopriamo la piattaforma digitale per una nuova didattica nata dai creatori di OilProject, la più grande scuola online d'Italia

Risultati immagini per weschool superpoteri
Speciale Education
 
L’evoluzione tecnologica investe ormai ogni ambito e settore, andando a toccare anche il campo dell’insegnamento. Sono molte le start-up che offrono nuovi metodi per migliorare l’apprendimento, rendendolo più efficace e coinvolgente attraverso una maggiore interazione. Tra i casi di maggior successo in Italia è sicuramente da segnalare il progetto di Oilproject, il più seguito sito di e-learning in Italia con 1,6 milioni di studenti ogni mese alla ricerca di video lezioni e approfondimenti. L’anno scorso questa start-up fondata da Marco De Rossi ha lanciato una piattaforma che punta a rivoluzionare il mondo della didattica. Si chiama WeSchool e pemetter ai docenti di realizzare lezioni più coinvolegenti, superando il classico schema frontale.
 
Nessun limite alla creatività
 
Una delle principali caratteristiche di WeSchool è di essere una piattaforma “aperta”: qualsiasi contenuto o servizio disponibile in rete può essere integrato nella piattaforma e utilizzato senza uscire dall’ambiente collaborativo della classe. Dal video YouTube a un corso d’Inglese di Duolingo, fino a un google doc con un articolo di una rivista internazionale: non ci sono davvero limiti a ciò che può essere inserito e condiviso in WeSchool. I ragazzi di Oilproject dicono di aver dato ai professori “i superpoteri”, grazie al quale possono essere crete lezioni sempre più coinvolgenti e tutte in un unico spazio condiviso.
 
Imparare è un gioco da ragazzi
 
Da sempre il docente si batte contro uno dei principali problemi che affliggono gli studenti: la noia. Questa porta spesso a una disattenzione cronica e a un conseguente calo del rendimento da parte della classe. E cosa c’è di meglio di un tocco di gamification per svegliare le menti più assopite? Per questa ragione, grazie a WeSchool il docente è in grado di creare fino a 9 tipologie di quiz diversi, dal memory ai videoquiz, passando per i cruciverba. Non solo: i docenti possono gestire materie, eventi e progetti, assegnare compiti e verificare l’apprendimento attraverso la creazione di gruppi-classe, sottogruppi o gruppi tra classi e comunicando attraverso un sistema di messaggistica interno.
 
A prova di dummy
 
Il dubbio che potrebbe sorgere a molti docenti è questo: bisogna essere degli “smanettoni” per lavorare con questa piattaforma? Assolutamente no. Uno dei punti di forza di WeSchool è proprio l’essere friendly e intuitiva. L’interfaccia dal design lineare e colorato è realizzata pensando proprio a chi non è un tecnico informatico e forse ha più dimestichezza con gessetto e lavagna. L’aspetto grafico è quello di un mosaico di mattonelle, con pochi bottoni e alla base c’è la filosofia della classe capovolta, ovvero di un’aula non più vista come semplice luogo di trasmissione delle nozioni ma come spazio di lavoro e discussione dove si apprende attreverso il confronto con i pari e con l’insegnante. Non è un caso che tra le prime scuole ad adottare WeSchool non sia stata una scuola di recente fondazione, ma un’istituzione storica milanese come il liceo classico Manzoni: segno che non serve essere “alla moda”, ma soprattutto attenti al cambiamento. In questo caso specifico è nata una rete virtuale di professori disponibili a dare ripetizioni di Latino e Greco ai ragazzi con debiti. Il ruolo del professore quindi non viene sostituito dalla tecnologia ma viene anzi “potenziato”: i famosi superpoteri.