TV Full HD, Ultra HD 4K e HD Ready: come scegliere

Guida all'acquisto
22/12/2017 Luca Antolini 37928

Comprare un TV LED può causare qualche dubbio quando si tratta di definizione. Alcuni televisori sono HD Ready, altri Full HD, altri ancora Ultra HD 4K. Ognuna di queste sigle ha un significato preciso: scoprilo nella nostra guida.

Quando si desidera acquistare un TV, il catalogo dei possibili candidati è davvero molto grande. La prima scelta da fare riguarda quasi certamente la dimensione ed è consigliabile orientarsi sul pannello più grande possibile coerentemente con lo spazio in cui andremo a posizionarlo. Dopodiché ci sono altri criteri da prendere in considerazione, come il numero di porte HDMI disponibili, le funzionalità Smart TV e la risoluzione. Quanto a quest'ultimo aspetto, attualmente troviamo disponibili sul mercato TV HD Ready, TV Full HD e TV Ultra HD 4K.

Scegli il TV LED che fa per te

Prima di vedere i dettagli, bisogna comprendere una piccola premessa: ogni immagine digitale è composta di piccoli punti detti pixel e possiamo immaginare che uno schermo è composto da piccolissime lampadine. Ognuna di esse è un pixel che può assumere diversi colori, e più pixel ci sono e più bella e dettagliata sarà l'immagine. Affinché il risultato sia il migliore possibile ci vuole uno schermo ad alta risoluzione, ma anche un video con la stessa alta definizione. Vedremo più avanti perché questo dettaglio può determinare la scelta d'acquisto.

HD Ready: cosa significa?
La risoluzione HD Ready rappresenta il livello minimo indispensabile per entrare nel campo dell’alta definizione. Per poter apporre il logo HD Ready su un prodotto - in base ai precisi standard stabiliti a gennaio 2005 da EICTA (European Information and Communication Technology Association) - il televisore (non importa se LCD, LED o plasma) deve rispettare determinate caratteristiche.

- Il pannello TV deve avere una risoluzione nativa minima di 720 punti (o linee) verticali e un rapporto di 16:9 tra larghezza e altezza (widescreen). La risoluzione del pannello indica anche di fatto la risoluzione massima che il televisore potrà visualizzare, indipendentemente dal formato del segnale in ingresso.
- Il televisore deve essere in grado di ricevere segnali HD con almeno uno tra i seguenti ingressi: Component YPbPr (segnale analogico in alta definizione, anche chiamato video a componenti), HDMI o DVI (segnali digitali in alta definizione).
- Gli ingressi citati devono essere in grado di accettare segnali nei seguenti formati HD: 1280x720 (larghezza x altezza) a 50 Hz e 60 Hz in formato progressivo (risoluzione 720p); 1920x1080 a 50 Hz e 60 Hz in formato interlacciato (risoluzione 1080i).

Mentre un segnale interlacciato aggiorna a ogni refresh dello schermo soltanto metà delle linee, il segnale progressivo le aggiorna tutte, offrendo una qualità dell’immagine superiore.

Ricapitolando, tutto questo significa di fatto che troverai in vendita TV HD Ready con pannelli con risoluzione nativa 1280x720. Tuttavia, potresti trovare anche pannelli con definizione 1366x768. In questi casi, l’immagine sorgente sarà rielaborata dal processore del televisore – visto che, come abbiamo visto, i formati HD standard sono diversi – per adattarla alle sue capacità: i televisori migliori eseguono molto bene questo processo, portando su schermo un’immagine con qualità migliore rispetto allo standard HD Ready.

Per vedere vecchi film, i canali del digitale terrestre in risoluzione standard oppure i DVD, i TV HD Ready sono più che adeguati, perché i video in questo caso hanno una risoluzione che è anche minore: il tipico supporto DVD, per esempio, contiene video con risoluzione 720x576 al massimo.
Per vedere invece alla massima risoluzione i canali HD della pay tv satellitare, oppure i canali HD del digitale terrestre, è consigliabile acquistare un televisore che abbia almeno una risoluzione Full HD.

TV Full HD: lo standard più diffuso
I TV Full HD oggi sono quelli più comuni. Disponibili in varie misure e con caratteristiche variabili, anche in questo caso devono rispettare alcuni standard precisi per potersi fregiare del logo Full HD.
- Lo schermo TV deve avere 1920 pixel in orizzontale e 1080 pixel in verticale, indicato generalmente con 1080p o 1920x1080.
- Il televisore deve essere in grado di ricevere segnali HD con almeno uno tra i seguenti ingressi (gli stessi dell’HD Ready): Component YPbPr (segnale analogico in alta definizione), DVI o HDMI (segnali digitali in alta definizione).
- Gli ingressi devono poter accettare i segnali con i seguenti formati HD:
  • ingresso Component YPbPr:
    • 1280x720 a 50 Hz e 60 Hz in formato progressivo (risoluzione 720p)
    • 1920x1080 a 50 Hz e 60 Hz in formato interlacciato (risoluzione 1080i)
  • ingressi HDMI e DVI:
    • 1280x720 a 50 Hz e 60 Hz in formato progressivo (720p)
    • 1920 x 1080 a 50 Hz e 60 Hz in formato interlacciato (1080i)
    • 1920 x 1080 a 24 Hz, 50 Hz e 60 Hz in formato progressivo (1080p)
Rispetto agli HD Ready, i TV Full HD possono ricevere e visualizzare un segnale 1920x1080 progressivo (1080p), non solo alla frequenza di 50 o 60 Hz, ma anche di 24 Hz – il formato utilizzato dai Blu-ray che rispetta quello originale in cui sono girati i film, a 24 fotogrammi al secondo.

Oggi alcuni canali HD del digitale terrestre o della pay TV satellitare trasmettono in formato Full HD. Questo standard è inoltre utilizzato nei film venduti in formato Blu-ray e nei servizi di streaming online, come Netflix, usufruibili anche direttamente su Smart TV.

TV Ultra HD 4K: tecnologia a prova di futuro
L’Ultra HD 4K è uno standard che indica quando un televisore è in grado di riprodurre contenuti digitali con una risoluzione pari a 3840x2160, ossia con quattro volte il numero di pixel su schermo rispetto a un televisore Full HD. Il termine 4K si riferisce alla risoluzione orizzontale, che si avvicina quasi a 4000 pixel: si tratta di una decisione di nomenclatura diversa da quella degli standard descritti in precedenza, che si riferivano invece al numero di pixel in verticale (720 e 1080).
È bene non farsi confondere inutilmente dalle diverse sigle: sebbene a volte su un televisore sia riportato soltanto il logo Ultra HD (UHD) mentre altre volte potresti trovare solo 4K, in questo settore merceologico si riferiscono alla stessa cosa e alle medesime specifiche. Altri produttori, come Samsung, appongono su alcuni dei loro TV la sigla SUHD: in questi casi, avrai un prodotto con risoluzione pari quella di qualsiasi altro televisore 4K ma che include alcune tecnologie avanzate Samsung che li rendono top di gamma. Il maggior numero di pixel della risoluzione Ultra HD 4K consente immagini molto più dettagliate e una più vasta gamma di colori.
I TV che riportano la dicitura Ultra HD Premium, inoltre, offrono una profondità di colore ancora maggiore (oltre un miliardo di colori) e nitidezza superiore, rispettando standard ulteriori, come la riproduzione del colore a 10 bit, ossia con supporto all’HDR (High Dynamic Range).
È importante considerare questa caratteristica in vista dell’introduzione ormai prossima del nuovo standard DVB-T2 con codec HEVC H.265, che porterà a un aumento dei canali con trasmissioni in Full HD, Ultra HD 4K e supporto all’HDR. Anche servizi di streaming come Netflix offrono contenuti con risoluzione 4K, così come è necessario un televisore di questo livello per poter apprezzare un film in formato Ultra HD Blu-ray. In quest’ultimo caso, è fondamentale avere un cavo HDMI 2.0 per connettere i due dispositivi.

8K: a che punto siamo?
Le televisioni con risoluzione 8K (7680x4320) non sono ancora in commercio e dovremo aspettare probabilmente ancora diversi anni prima che questo accada. I più importanti produttori di TV non hanno ancora definito dei piani chiari per la loro introduzione (finora anche i prototipi mostrati sono stati pochi) e al momento non esistono contenuti digitali o trasmissioni in questa risoluzione.
 

TV LED LG 32LJ510U 32” HD Ready 1366x768 PMI 300 DVB-T2/S2 HEVC PVR
Questo televisore LG è dotato di un pannello con risoluzione 1366x768, leggermente superiore allo standard HD Ready, sintonizzatore digitale terrestre DVB-T2 (HEVC [email protected], 10bit), satellitare (S2) e due ingressi HDMI. Inserendo una chiavetta USB o un disco esterno nella porta USB è possibile guardare video, foto e musica sul televisore, oltre a registrare i programmi televisivi preferiti.


Smart TV LED Sony BRAVIA KDL-49WE665 49” Full HD 1920x1080 Motionflow XR 400 Hz DVB-T2/S2 HEVC
TV Sony KDL-49WE665 Full HD con Motionflow XR 400 Hz con Wi-Fi e ingresso ethernet per la connessione a Internet. È dotato di due ingressi HDMI, sintonizzatore digitale terrestre DVB-T2 (con supporto a HEVC fino a 1920 x 1080/60p 10 bit), satellitare (S2) e pannello con risoluzione massima 1920x1080 (1080p), tecnologia Edge LED.
 


Smart TV Samsung UE55MU6400UXZT 55” Ultra HD 4K Premium 3840×2160 HDR DVB-T2 HEVC
Questo televisore Samsung è caratterizzato da una straordinaria qualità dell’immagine grazie a colori straordinariamente naturali: la gamma cromatica ancora più ricca, grazie all’HDR e alla risoluzione 4K (3840×2160) permette di apprezzare maggiormente i particolari. È dotato di uno slot CI+(1.3) per alloggiare smart CAM per tv a pagamento come Mediaset Premium e di 3 ingressi HDMI.