Recensione Lenovo Yoga Tab 3 Pro: perché comprarlo

News
26/04/2017 Maria Antonia Frassetti 2882

Abbiamo testato per qualche settimana Yoga Tab 3 Pro, il tablet di Lenovo votato alla multimedialità con videoproiettore integrato, per il lavoro e il tempo libero. Ecco le nostre impressioni.

Non c’è ombra di dubbio: Lenovo Yoga Tab 3 Pro colpisce fin da subito, non appena estratto dalla sua confezione. Prima di tutto per il design innovativo e originale (che non ci si aspetterebbe da un tablet). In seguito, per ciò che sta dietro, o meglio dentro, alla sua elegante scocca in metallo premium. Sto parlando del videoproiettore integrato per la fruizione e la condivisione di contenuti su parete, sia per un uso professionale che ludico. Ma non è la sola particolarità di Yoga Tab 3 Pro: questo tablet vanta anche un display di elevata qualità e un comparto audio eccezionale che lo rendono un device votato alla multimedialità. Questi sono i presupposti: andiamo un po’ più nel dettaglio, partendo dalla scheda tecnica del tablet. Ecco cosa mi è piaciuto e cosa no di Lenovo Yoga Tab 3 Pro.

Scopri subito Lenovo Yoga Tab 3 Pro

Specifiche tecniche
Yoga Tab 3 Pro è un tablet Android dotato di display IPS da 10,1 pollici con risoluzione Quad-HD (2560 x 1600 pixel) e tecnologia “AnyPen”, grazie alla quale è possibile utilizzare il touchscreen con qualsiasi tipo di oggetto conduttivo, non per forza un pennino specifico. La componentistica interna è costituita da un processore con tecnologia Intel Atom x5-Z8500 quad-core e da una RAM da 2GB abbinata ad una capacità di storage di 32GB, espandibile mediante slot per la scheda microSD. La connettività senza fili è assicurata dal Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac e dal Bluetooth 4.0, ma esiste anche la versione 4G. Con GPS integrato, Yoga Tab 3 Pro dispone di una fotocamera principale da 13 MP con autofocus e di una fotocamera frontale da 5 MP con fuoco fisso

L’originalità del design sta nella sua asimmetricità: su uno dei due lati più lunghi troviamo un cilindro integrato nella struttura stessa del tablet che racchiude la batteria, il proiettore, la fotocamera posteriore, i tasti di accensione/spegnimento e il tasto di attivazione del proiettore. Sugli altri lati sono presenti i tasti per il volume, il jack da 3.5 mm per le cuffie e la porta micro USB. Nascosto nella parte posteriore realizzata in eco-pelle, è stato inserito un kickstand reclinabile, ovvero un supporto che consente di utilizzare il device in quattro modalità diverse (Piedistallo, Presa, Inclinazione, Fissaggio) e che nasconde sia lo slot per la microSD che l’alloggiamento per una Micro SIM (se presente). La batteria è costituita da due moduli cilindrici: uno da 6200 mAh, l’altro da 4000 mAh, per un totale di 10200 mAh che, secondo Lenovo, dovrebbe garantire un’autonomia di 18 ore (di questo vi parlerò più avanti). Infine, Yoga Tab 3 Pro è dotato di certificazione IP21 contro gli schizzi d’acqua e le infiltrazioni
Prestazioni
Dal punto di vista delle performance, non ho rilevato nessuna criticità. Il device si è comportato bene, anche in condizioni di uso intenso, sia navigando su Internet che guardando contenuti video o ascoltando musica, o ancora utilizzando le app preinstallate. Ho riscontrato sempre grande fluidità e reattività, anche con il videoproiettore acceso. Proprio per le prestazioni di alto livello garantite dal potente processore Intel Atom x5-Z8500 quad-core, è possibile sfruttare il tablet come strumento di lavoro in mobilità, ma anche come vero e proprio centro multimediale domestico al posto della TV.

Lenovo Yoga Tab 3 Pro - Multimedialità
Lenovo definisce Yoga Tab 3 Pro “il tablet definitivo per la fruizione di video” ed è effettivamente così. Basta guardare un contenuto su YouTube per rendersi subito conto della qualità del display: immagini nitide, colori brillanti e vividi, grande varietà cromatica. Per questo motivo, Yoga Tab 3 Pro è la piattaforma ideale per vedere serie TV e film, non solo video su YouTube e non soltanto quando si è fuori casa. Anche l’audio è di tutto rispetto, grazie alla presenza di ben quattro altoparlanti frontali integrati nell’unità cilindrica laterale firmati JBL e potenziati dalla tecnologia Dolby Atmos. Essendo così posizionati gli speaker, il suono viene indirizzato direttamente verso l’utilizzatore, che può godere di un audio potente, nitido e cristallino, anche ad alto volume e senza cuffie.
Un discorso a sé merita il proiettore integrato, il vero tratto distintivo di questo tablet Yoga, che ne determina l’unicità e che lo rende un vero e proprio cinema privato. Si tratta di un proiettore da 50 Lumen con messa a fuoco digitale che arriva a replicare uno schermo di 70 pollici (178 cm) sulla parete. L’ottica è orientabile e ruotabile di 180 gradi, in modo da poter scegliere l’inclinazione migliore per la visualizzazione dei contenuti proiettati. Il funzionamento è molto semplice: basta premere il tasto laterale integrato nel cilindro della batteria, oppure cliccare direttamente l’icona presente sul display. Durante la proiezione, è possibile gestire soltanto la messa a fuoco attraverso l’applicazione dedicata. Non si può, quindi, intervenire su altri parametri, come la nitidezza dell’immagine o i colori. La qualità delle immagini proiettate è notevole, mantenendo però una certa distanza dal muro (circa 2 metri) e in ambienti quasi totalmente oscurati. Del resto, non dobbiamo scordarci che si tratta pur sempre di un mini-proiettore integrato in un tablet che svolge altre funzioni.

A cosa può servire avere un proiettore all’interno di un tablet? A mio parere, le potenzialità sono infinite. Ho testato il videoproiettore sia con file “statici” come immagini, grafici e documenti Office, sia con file multimediali complessi (video musicali e serie TV). Ho trovato molto comoda la possibilità di proiezione sul soffitto, guardando i contenuti sdraiata sul letto o sul divano in completo relax. Diciamo che, in linea di massima, Yoga Tab 3 Pro può essere utilizzato per guardare film a casa come se si fosse al cinema, oppure per vedere le foto delle vacanze e del viaggio di nozze, o ancora per giocare con un gamepad wireless. Al di là dell’intrattenimento puro e semplice, questo tablet può essere sfruttato anche in ambito professionale per condividere una presentazione durante una riunione di lavoro o per mostrare materiali didattici in un’aula scolastica. Tra l’altro, grazie al multi-windows, è possibile visualizzare sul display un contenuto diverso da quello che si sta proiettando, ad esempio si possono tenere sott’occhio gli appunti da leggere mentre si mostrano le slide di una presentazione di lavoro. Insomma, il proiettore di Yoga Tab 3 Pro è un valido strumento utilizzabile quando c’è la necessità di proiettare e condividere un contenuto, potendo fare affidamento su un dispositivo pratico, versatile e trasportabile, dal prezzo sicuramente inferiore rispetto a quello di un sistema di proiezione professionale fisso. 

Lenovo Yoga Tab 3 Pro - Design ed ergonomia
Come già accennato, il design è uno dei punti di forza di questo tablet Yoga che si caratterizza per avere finiture di pregio e dettagli ricercati. I materiali utilizzati sono di qualità: metallo e vetro, abbinati ad una cover in eco-pelle che, grazie alla sua ruvidità, migliora la presa del device. Per lo stesso scopo è stata progettata l’unità cilindrica laterale, cioè per favorire la modalità d’uso Hold, come quando si sorregge un libro che si sta leggendo. Personalmente, ho trovato la soluzione funzionale, poiché la batteria così posizionata agevola effettivamente la presa del tablet, anche se non per un periodo di tempo prolungato, a causa del peso e delle dimensioni del dispositivo. Infatti, con un ampio display da 10 pollici e con il proiettore integrato nel modulo cilindrico della batteria, Yoga Tab 3 Pro non spicca per avere un ingombro particolarmente contenuto, né un peso leggerissimo. 

Tra le diverse modalità d’uso del tablet, ritengo interessante e originale l’inserimento di un foro nel kickstand che permette di appendere il tablet ad un gancio o ad un supporto alla parete come se fosse un quadro, aprendo lo stesso kickstand di 180 gradi. Questa soluzione può essere molto utile in cucina, quando sì è ai fornelli e si ha la necessità di avere ben in vista la ricetta che si sta realizzando, ad esempio in formato video, senza dover occupare il piano di lavoro.
Fotocamera
Partiamo dal presupposto che un tablet da 10 pollici non è di certo uno strumento indicato per scattare foto. Nonostante questo, Yoga Tab 3 Pro mi ha colpito positivamente per la qualità degli scatti realizzati, alcuni dei quali potete trovare alla fine dell’articolo. La messa a fuoco automatica della fotocamera posteriore da 13 MP è reattiva e funziona in maniera ottimale per un device di questo tipo, anche in situazioni indoor e a distanza molto ravvicinata rispetto al soggetto fotografato, con un livello di dettaglio e di nitidezza molto soddisfacente e una resa dei colori naturale. Inoltre, l’applicazione che gestisce il comparto fotografico permette di impostare una certa varietà di personalizzazioni, come la griglia per le inquadrature, la scelta del formato e della risoluzione, o ancora le modalità di scatto automatiche (ad esempio, Panorama, Notte e Ritratto).

Lenovo Yoga Tab 3 Pro - Giudizio finale
Lenovo Yoga Tab 3 Pro mi è piaciuto molto. Se si cerca un tablet potente e versatile che sia un vero e proprio centro multimediale a casa o sul lavoro, è sicuramente una soluzione più che valida a questo scopo grazie all’elevata qualità audio, alla risoluzione 2K dello schermo e alla presenza del videoproiettore. Non a caso, tra le app preinstallate c’è Netflix, caratteristica che ne conferma la vocazione alla multimedialità. Quindi, per coloro che amano le serie TV, i film e i videoclip musicali, questo tablet Yoga soddisfa appieno la loro sete di contenuti audio e video di qualsiasi genere. 

Il proiettore è il fiore all’occhiello del device: mi ha convinto fin da subito, seppur con i limiti evidenziati sopra (la distanza massima dalla parete, la quasi totale oscurità dell’ambiente in cui viene usato, la possibilità di gestire solo la messa a fuoco). Per questo, lo consiglio non solo in ambito domestico, ma anche professionale: coloro che viaggiano spesso e necessitano di un proiettore sempre a portata di mano con i propri file di lavoro da condividere con colleghi o clienti possono trovare in Yoga Tab 3 Pro un utile supporto.

Per quanto riguarda la portabilità, Lenovo Yoga Tab 3 Pro non è proprio comodissimo da tenere in borsa o da trasportare agilmente da una parte all’altra, sia per le dimensioni (247 x 5 x 179 mm) che per il peso (665 grammi) e il formato asimmetrico. Infine, una considerazione sulla batteria: Lenovo dichiara un’autonomia di 18 ore. In realtà, se si utilizza il tablet in modo continuativo nell’arco della giornata, anche per guardare video, ascoltare musica o navigare su Internet, l’autonomia scende intorno alle 9 ore. Si arriva comunque senza problemi a fine giornata con una sola ricarica. Ovviamente, se si attiva il videoproiettore l’autonomia scende ulteriormente, ma si riesce a coprire tranquillamente la visione completa di un film.