Recensione cuffie wireless Sony WH-H900N: tutti i pro e contro

News
13/07/2018 Danilo Pagnin 343

Ho provato le cuffie wireless Sony WH-H900N con microfono e Noise Cancelling e si sono rivelate all'altezza in ogni situazione: in questa recensione ti racconto le mie impressioni.

L'abbandono da parte di Sony del comparto Vaio alcuni anni fa ha riposizionato il baricentro della storica azienda di elettronica sulle direttrici per cui nei decenni si è guadagnata la sua robustissima fama: Console games, Hi-Fi e TV. L’expertise sull'audio ha trovato nella lunga avventura nel mondo IT una miniera di preziosissime competenze che hanno consentito a Sony di sviluppare prodotti digital audio di altissima qualità, a partire dalle cuffie. Le WH-H900N si collocano attualmente tra le top di gamma del colosso giapponese: i motivi non mancano di certo, come vedrai nella mia recensione.


Sony WH-H900N: caratteristiche tecniche

Trattandosi di cuffie d'alta gamma, Sony non ha lesinato sulla dotazione tecnologica: la risposta di frequenza dichiarata è amplissima, 5-40.000 Hz, anche se come noto l'orecchio umano per lo più percepisce la gamma 20-20.000 Hz. Il tempo di ricarica della batteria al litio indicato è di 6h: confesso che non ho cronometrato, semplicemente l’ho lasciata attaccata col cavetto USB ad un caricabatteria a basso amperaggio e, quando sono rientrato in casa varie ore dopo, erano cariche e la spia si era spenta (meglio usare comunque le porte del PC, come consigliato da Sony). L'autonomia garantita è intorno alle 28h: dopo averle usate in spiaggia, a casa e in ufficio per una settimana circa, risultano ancora cariche, quindi mi pare un numero vicino alla realtà. Come nelle precedenti MDR-100, tra i fiori all’occhiello c’è la tecnologia di Noise Cancelling, attivabile premendo l’apposito pulsante (o dall’app Sony Headphones Connect): oltre a questa funzione, è attivabile quella Ambient Sound che consente di sentire ciò che accade intorno. Infine c'è la funzione di cancellazione rumore del vento, che riduce il fastidioso "sbuffo" prodotto sul microfono durante una telefonata, che può essere configurata solo dall'app.
Per connettersi ad una fonte si hanno tre strade: il cavo, il Bluetooth e la tecnologia NFC.

Cuffie Sony WH-H900N: unboxing e materiali

Indubbiamente raffinate ed eleganti, hanno un design che si discosta molto poco dalle precedenti top di gamma MDR-100 che avevo provato lo scorso anno, di cui le WH-H900N sono di fatto l’evoluzione. Per l'occasione Sony mi ha messo a disposizione la versione oro, di impatto estetico molto delicato e glamour. Nella confezione sono presenti le cuffie, il cavo USB per caricarle, il cavo audio (del colore delle cuffie) con jack 3,5mm per collegarle a qualunque fonte con uscita cuffie standard, una guida per immagini (sufficientemente intuitiva, ma qualcosa di scritto non avrebbe guastato), una guida multilingue con le indicazioni di sicurezza e sommariamente le funzioni più importanti, una busta morbida dello stesso colore delle cuffie in materiale ruvido e impermeabile.
Prese in mano non sono leggerissime, tuttavia l’eccellente vestibilità distribuisce il peso in modo da assicurare un elevato comfort anche se indossate per ore. Particolare cura è stata riservata alla qualità dei materiali: la pelle dei cuscinetti è molto morbida e fresca, non mi ha infastidito né fatto sudare nemmeno in spiaggia al sole. Avendo una pelle piuttosto sensibile, ho trovato questa caratteristica molto importante e utile. Peccato non vi sia una custodia rigida, come nelle MDR-100, molto utile nel caso di trasporto in situazioni "ruvide", tipo viaggi e spiagge.

Cuffie Sony WH-H900N: la prova "su strada"

Indossandole ho provato subito un senso di grande qualità e comfort. Non immediatissimo il collegamento via Bluetooth con il mio smartphone Huawei Nova: pur seguendo le indicazioni (tenere premuto il pulsante di accensione per diversi secondi), per il riconoscimento ci è voluto più del previsto. Nessun problema di connessione invece col mio Macbook, che le ha riconosciute subito e dopo pochi secondi già tutto era sincronizzato a meraviglia.
Il Noise Cancelling è efficace e genera quell’effetto "capsula spaziale" già rilevato sulle MDR-100: la funzione Ambient Sound (ben calibrata) mi è stata molto utile in ufficio e camminando per la strada o comunque in situazioni dove è necessario mantenere il contatto con l'esterno. Soprattutto è risultata molto importante per rispondere al telefono, quando è fondamentale sentire anche la propria voce per misurarne tono e volume. Con tutte le funzioni disattivate, grazie alla buona conformazione over-ear dei cuscinetti, l’isolamento resta comunque buono. Un’altra funzione disponibile è quella di cancellazione del rumore del vento, attivabile dall’app Sony Headphone Connect, molto utile quando le utilizzi per telefonare.
Il suono risulta sempre di qualità molto elevata: ovviamente la resa dipende molto anche dalla fonte, nella mia prova il massimo l'ho raggiunto collegandole via Bluetooth al mio Macbook, ascoltando file mp4 acquistati sull'iTunes store, quindi con alta qualità Hi-Fi garantita. La tecnologia DSEE HX™ proprietaria consente di dare un tocco di "calore" sonoro in più ai file musicali molto compressi, facendo un buon lavoro su qualsiasi fonte. Con l’app Sony si può inoltre intervenire sull’equalizzazione (anche se non in misura drastica), consentendoti la calibrazione del suono a tuo gusto, e oltre a ciò è un’app molto semplice e utile.
Collegate via cavo ad un impianto Hi-Fi suonano molto bene, offrendo una gamma sonora completa e dinamica, sia da CD che da vinile.
Per le telefonate nessun problema: suono chiaro e pulito, dall’altra parte la voce si sente perfettamente e di grande aiuto può essere la funzione di riduzione rumore vento, già ricordata.
Infine due parole sulle funzioni swipe, che di per sé non amo moltissimo (preferisco sinceramente il meccanico "click" o le ghiere del volume di alcune cuffie concorrenti, meno "cool" ma più affidabili): volume, pausa (doppio tap), avanzamento, ritorno sono piuttosto semplici da attivare, e ho fatto meno errori rispetto ad altri prodotti testati, in cui i comandi swipe si confondevano molto più facilmente. Interessante la funzione di interruzione della musica mettendo il palmo della mano sul padiglione destro: il suono si riattiva semplicemente togliendo la mano, consentendo per esempio di sentire cosa ci sta dicendo qualcuno in quel momento.
Conclusioni
Cuffie eccellenti sotto quasi tutti gli aspetti, le Sony WH-H900N rappresentano una soluzione di altissimo profilo per tutta la giornata, dall'impianto Hi-Fi all'ascolto sui mezzi pubblici fino al relax in spiaggia o al parco. Grazie ai materiali di alta qualità queste cuffie non stancano, non fanno sudare e non risultano praticamente mai fastidiose. Sony le rende disponibili in vari colori per incontrare un’ampia gamma di gusti: oltre alla versione oro, troviamo quella grigio polvere, corallo e antracite, in ogni caso tutti colori satinati e delicati, per non snaturare l'impatto di grande eleganza con cui si presentano.
Visto il prezzo, da purista dell’Hi-Fi, un "X-Factor" in più sulla resa sonora forse me lo aspettavo (c’è un leggerissimo effetto "scatola" che non mi fa impazzire), magari togliendo qualche "gingillo" elettronico, come l'NFC (a mio parere superfluo) per non fare lievitare il costo, ma stiamo naturalmente parlando di sfumature: Sony giustamente pensa più alle esigenze medie del mercato, dove ogni sigla elettronica in più fa sempre il suo effetto. Tra le altre cose infatti è presente anche la tecnologia LDAC™, che consente una velocità di trasferimento dati di 990kps circa, cioè il triplo della velocità di trasmissione Bluetooth tradizionale, assicurando eccellente qualità di riproduzione da tutte le fonti e confermando la netta vocazione wireless di questo prodotto, pensato soprattutto per questo utilizzo.
In conclusione, difficile pentirsi dell'acquisto di queste cuffie, bellissime, comode ed eleganti, che rendono benissimo sia sulle voci (maschili che femminili) che sulla gamma degli strumenti, ma soprattutto hanno eccezionale versatilità nell'utilizzo senza fili.