Motorola Moto G6 Plus e Play: caratteristiche, prezzi e alcuni scatti

News
27/06/2018 Alessandra Basile 213

La fortunata serie Moto G torna sul mercato con tre nuovi smartphone Motorola, Moto G6, G6 Play e G6 Plus. Io ho provato gli ultimi due e ti racconto tutto quello che devi sapere.

Essere il quarto brand di telefonia in Italia. Questa è l'ambizione dichiarata da Daniele De Grandis, General Manager dell'area mobile di Lenovo che controlla lo storico brand Motorola. Un programma che affonda le radici in un leitmotif costante degli ultimi lanci: lanciare sul mercato prodotti concreti, affidabili e completi a prezzi che abbracciano con decisione la fascia media del mercato. Così, tra fine maggio e inizio giugno, Motorola ha presentato tre nuovi smartphone della fortuna famiglia Moto G. Infatti, il primissimo Moto G è stato lo smartphone più venduto in tutta la storia Motorola e, sinora, l'intera famiglia ha venduto 70 milioni di pezzi: Moto G6, G6 Play e G6 Plus. In queste settimane ho avuto modo di provare Moto G6 Play e Moto G6, ti racconto di seguito caratteristiche, prezzi e in fondo all’articolo trovi qualche scatto realizzato con le due fotocamere, da comparare.
 

Moto G6 Plus

Questo nuovo Motorola è il modello di punta della serie Moto G di quest'anno. Presenta una solida scocca in metallo e tutto lo smartphone è ricoperto in vetro Gorilla Glass. Le dimensioni sono piuttosto generose, grazie al display da 5,93 pollici con ratio da 18:9 e si tratta del primo approccio a questo tipo di form factor di Motorola che l'ha battezzato Max Vision.
Moto G6 Plus è dual sim LTE e monta un processore Qualcomm Snapdragon 630 che viene supportato da 4 GB di memoria RAM e 64 GB di storage interno, espandibili tramite microSD. Il sistema operativo è Android Oreo nella release 8.0 che trovi sullo smartphone nella versione stock, cioè così come l'ha pensato Google, senza particolari personalizzazioni. Motorola, però, ha tenuto le Moto Actions che già avevo provato sugli smartphone precedenti. Si tratta di piccoli ed immediati gesti che rappresentano delle vere e proprie scorciatoie alle funzionalità più utili e cercate su uno smartphone. Personalmente, per me è ormai abitudine scuotere il telefono per attivare la torcia, piuttosto che sbloccare il display, abbassare la tendina del menù e attivarla.
Altra funzionalità interessante e ulteriore primo approccio di Motorola in questo senso è il face unlock, cioè lo sblocco dello schermo con la scansione del viso. Non tra i più rapidi che abbia mai provato, ma sicuramente affidabile.

Moto G6 Plus, inoltre, presenta una dual cam con un sensore principale da 12 MP, supportato da un secondo da 5 MP che ha il compito di occuparsi dell’effetto bokeh. Compito che, tra l’altro, svolge egregiamente come puoi vedere negli scatti alla fine di questo articolo. Inoltre, la focale da f/1.7 permette di raccogliere quanta più luce possibile e garantirti di realizzare ottime fotografie anche in condizione di poca luminosità.
La fotocamera presente sul nuovo Motorola è arricchita da alcune funzionalità interessanti come "Colore campione" che ti permette di realizzare una fotografia interamente in bianco e nero, fatto salvo un colore che intendi invece mantenere in originale. Oppure "Intaglio", con cui puoi fotografare un soggetto principale che viene slegato dal suo sfondo e sovrapporlo ad un altro scatto.
Infine, con questa doppia fotocamera puoi girare video in 4k. Tutto questo al prezzo di 299 Euro.

Leggi qui le altre caratteristiche di Moto G6 Plus

L'esperienza d'uso in queste settimane è stata sicuramente completa e soddisfacente. Sebbene io dichiaratamente non sia un'amante degli smartphone Android Stock, ne ho apprezzato l'immediatezza e la reattività che, comunque, restano sempre i principali punti di eccellenza nell'assenza delle personalizzazioni in termini di interfaccia utente. Le dimensioni sono piuttosto generose, tenerlo in tasca potrebbe non essere sempre facilissimo, ma d'altro canto questo nuovo Motorola è l'ideale per guardare contenuti multimediali, come serie TV su Netflix – anche grazie alla presenza dell'audio Dolby Atmos.
Inoltre, la dual cam è semplice e divertente da usare grazie alle funzionalità che ti ho raccontato prima come Intaglio e Colore Campione. Inoltre, ho trovato ottimo l'effetto bokeh, sia in termini di gestione della profondità di campo, sia di ritaglio del soggetto principale.
 

Moto G6 Play

Fratello di Moto G6 Plus è Moto G6 Play che presenta qualche caratteristica differente. Il display è leggermente più piccolo, scendiamo a 5,7 pollici, quindi in generale le dimensioni sono state un po’ ottimizzate, sfruttando ancora la ratio da 18:9 e lo schermo Max Vision. Anche su questo smartphone Motorola troviamo una scocca molto elegante, lucida e con una zigrinatura circolare intorno al modulo della fotocamera che già avevamo visto nei mesi scorsi su altri modelli. Tra l'altro sul retro troviamo anche il sensore delle impronte digitali (che invece su Moto G6 Plus è sulla parte frontale).
Il processore in dotazione è lo Snapdragon 430 coadiuvato da 3 GB di memoria RAM e una capacità interna da 64 GB, anche in questo caso espandibili con microSD. Ritroviamo anche Android stock nella versione Oreo 8.0. Anche Moto G6 Play è uno smartphone dual sim LTE.
La fotocamera principale (singola) monta un sensore con risoluzione da 13 MP e focale da f/2.0, mentre quella interna per i selfie è da 8 MP.
Suo punto di forza è sicuramente la batteria che ha una capacità di 4.000 mAh. A seconda dell'utilizzo, può arrivare tranquillamente a due giorni. Un vero e proprio batteryphone che, però, presenta delle caratteristiche tecniche interessante, così come il prezzo di lancio, soli 199 Euro.

Scopri la scheda tecnica completa di Moto G6 Play qui

Moto G6 Play è sicuramente più di un battery phone da battaglia per chi non vuole soffrire di ansia da autonomia. Il sistema si è rivelato affidabile e piuttosto reattivo, l'utilizzo non fa risentire l'assenza di particolari componenti ed è un po' più maneggevole rispetto al G6 Plus.
La fotocamera è piuttosto buona, qui non trovi le feature aggiuntive menzionate sulla versione Plus, ma i colori risultano ricchi e brillanti. Meno accentuato il bokeh. In generale, se vuoi avere comunque una buona autonomia della batteria, ma sfrutti molto la fotocamera, meglio scegliere Moto G6 Plus perché sa realizzare scatti decisamente più convincenti.
In entrambi i casi, Motorola conferma la sua missione già segnata nei mesi precedenti: permetterti di avere tra le mani uno strumento utile nella vita di tutti i giorni a un prezzo decisamente accessibile.

Guarda il nostro videoconfronto Nokia 8 vs Moto Z2 Force