I 5 migliori termoventilatori per l'autunno

Guida all'acquisto
25/09/2018 Maria Antonia Frassetti 667

Se stai cercando una soluzione temporanea per riscaldare velocemente piccoli ambienti, il termoventilatore offre innegabili vantaggi. Vediamo come scegliere il modello giusto e quali sono i 5 migliori termoventilatori del momento.

È arrivato quel momento dell’anno in cui svestirsi per entrare nel box doccia o nella vasca da bagno inizia a essere un piccolo trauma. Non ci sono più le temperature estive a scaldarci, fuori l’aria è frizzante e le prime piogge autunnali portano l’umidità. Il riscaldamento potrebbe salvarci, ma non possiamo ancora accenderlo. Quindi che fare? Possiamo chiedere aiuto al termoventilatore (da non confondere con il termoconvettore elettrico)! 

Denominato anche stufetta elettrica ventilata, questo elettrodomestico è la soluzione ideale per rendere più caldi e confortevoli i piccoli ambienti domestici nelle mezze stagioni. Il bagno è sicuramente uno dei luoghi che più necessitano di questo dispositivo. Ma non è il solo. Pensa a quando alla sera sei sul divano a guardare la TV o a leggere un libro, oppure quando stai tante ore seduta ad una scrivania per lavoro o studio. In tutti questi casi può essere utile avere un mini calorifero a portata di mano. Scopriamo le caratteristiche principali e quali sono i 5 migliori termoventilatori sul mercato.
 

Termoventilatore ceramico: come funziona

Il primo aspetto distintivo riguarda il funzionamento. È molto semplice e si basa sulla presenza di una resistenza che, una volta riscaldata mediante energia elettrica, diffonde il calore attraverso una ventola. In genere la resistenza dei termoventilatori è elettrica, cioè è composta da un filamento metallico attraversato dalla corrente, ma ormai è sempre più diffusa la resistenza ceramica. Questo materiale, infatti, ha il vantaggio di scaldarsi in meno tempo e di raffreddarsi più lentamente. 

Forma e dimensioni rappresentano un’altra caratteristica importante. I modelli più comuni sono quelli da tavolo: hanno misure ridotte e l’aspetto di un box, spesso dotato di maniglie per facilitare il trasporto da una stanza all’altra. Esiste anche il termoventilatore da parete da appendere al muro per non occupare spazio a terra o sui ripiani dei mobili. Infine, esiste la variante a torretta, stretta e allungata, che diffonde l’aria con un flusso verticale.
La potenza dei termoventilatori elettrici si aggira di norma tra 1500 e 2500 Watt, ma può essere regolata in base alle esigenze. Ovviamente più sono potenti, più riescono a coprire una superficie maggiore e a scaldare stanze di grandi dimensioni. Naturalmente, a seconda della potenza e della portata, i costi in bolletta possono variare significativamente.

Ecco quali sono i 5 migliori termoventilatori per affrontare i primi freddi autunnali

Termoventilatore DeLonghi Vertical Edge HFS50F24 – Il migliore per il bagno
Il termoventilatore da bagno deve avere delle caratteristiche ben precise per questioni di sicurezza. E’ il caso di Vertical Edge che gode del sistema di protezione IP21 (International Protection 21) contro la caduta verticale di gocce d’acqua. Inoltre questa piccola stufa elettrica DeLonghi da 2400 Watt è dotata di un sistema anti-ribaltamento che spegne in automatico il motore in caso di caduta o rovesciamento. Un’altra caratteristica importante è la presenza del termostato che consente di far partire il termoventilatore in automatico quando la temperatura scende al di sotto del livello impostato (funzione antigelo).

IMETEC Eco Ceramic CFH1-100 – Il termoventilatore che consuma meno 
Tra i termoventilatori Imetec, questo modello è molto interessante dal punto di vista dell’efficienza energetica. Infatti, Eco Ceramic Technology permette di risparmiare fino al 35% sui consumi elettrici. Inoltre, la resistenza ceramica assicura un riscaldamento più efficiente e rapido, oltre che uniforme. CFH1-100 raggiunge una potenza di 2000 Watt e dispone della funzione antigelo grazie alla quale si accende automaticamente quando la temperatura scende sotto i 5°C. Silenziosa e compatta, questa stufa elettrica a basso consumo può essere posizionata in qualunque ambiente senza disturbare.

Termoventilatore Rowenta Compact Power SO2210 – Il più compatto 
Tra i migliori termoventilatori c’è da annoverare questo dispositivo per le dimensioni ultra-compatte e la facilità di trasporto: puoi tenerlo vicino a te e portarlo dietro con grande facilità grazie alla maniglia ergonomica integrata. Si possono selezionare due livelli di riscaldamento (1000 o 2000 Watt) a seconda delle esigenze e grazie alla funzione ventilazione fredda è possibile utilizzare l’elettrodomestico in estate per rinfrescare. Anche il mini termoventilatore Compact Power SO2210 è provvisto di termostato per regolare automaticamente la temperatura dell’ambiente.

Ardes Muna AR4F02G – Il più economico 
Questo dispositivo si contraddistingue per il prezzo davvero contenuto, pur offrendo prestazioni di qualità e funzioni avanzate. E’ un termoventilatore ad aria fredda per la ventilazione estiva con due livelli di potenza eco e comfort (1000 e 2000 Watt, rispettivamente). Inoltre, è dotato di un termostato per la regolazione della temperatura, un interruttore anti-ribaltamento e un sistema di protezione anti-surriscaldamento. Nonostante Muna AR4F02G sia piccolo (26 x 17 x 31 cm), può arrivare a scaldare un ambiente di 60 metri cubi.

Olimpia Splendid CaldoSilent – Il termoventilatore più silenzioso 
Il migliore termoventilatore quanto a silenziosità è CaldoSilent di Olimpia Splendid. Infatti, grazie alla tecnologia Silent System, il rumore percepito è minore del 50% rispetto ai modelli tradizionali, con una pressione acustica fino a 3 dB(A) in meno. Può essere utilizzato come scaldino per il bagno in quanto gode della protezione IP 21 contro il gocciolamento. Un altro plus sta nella potenza: CaldoSilent arriva a 2400 Watt e riscalda ambienti fino a 80 metri cubi. Per una diffusione uniforme del calore, è dotato di oscillazione a 90°. Infine, è provvisto di Timer 24h, a cui si aggiungono la funzione ventilazione e antigelo e l’interruttore antiribaltamento.

Leggi anche "Condizionatori: riscaldare con la pompa di calore conviene?"