Deumidificatore o condizionatore?

Guida all'acquisto
24/05/2018 Maria Antonia Frassetti 3140

Se stai pensando a come combattere il caldo estivo che si sta avvicinando, ecco qualche consiglio utile per scegliere l’elettrodomestico migliore per le tue esigenze. Sai qual è la differenza tra deumidificatore e condizionatore?

Anche se il caldo sta tardando a farsi sentire, prima o poi arriverà. Non si sfugge, che si tratti di Scipione o di qualche altro anticiclone africano dal nome esotico. E così, come ogni anno, inizieremo a lamentarci e a rimpiangere il freddo e il gelo invernali (persino la pioggia e la nebbia). Per non rischiare di farci cogliere impreparati e di ritrovarci a boccheggiare tra le mura domestiche nel pieno della calura estiva, è bene organizzarsi per tempo. Ma in che modo?

Molte sono le opzioni possibili. Tutto dipende dal luogo in cui abitiamo, dalle caratteristiche della nostra casa e, ovviamente, dalle esigenze personali. Tra le tante domande amletiche che puntualmente ci si pone una è sicuramente la seguente: è meglio un deumidificatore o un condizionatore portatile? Infatti, a meno che tu non decida di optare per il buon vecchio ventilatore oppure (all’estremo opposto) per un impianto di climatizzazione fisso, sono queste le alternative da prendere in considerazione. Quindi, deumidificatore o condizionatore? Vediamo quali sono le differenze tra i due elettrodomestici e perché dovresti scegliere o l’uno o l’altro.
 

Deumidificare: cosa significa?

La domanda non è forse così banale. Il deumidificatore toglie l’umidità dall’aria: questo vuol dire che non butta fuori aria fredda, ma che “assorbe” il vapore acqueo (l’umidità appunto) presente nell’aria. Lavorando in questo modo, ci consente di tollerare meglio il caldo umido e afoso, che è quello più pesante e difficile da sopportare d’estate. Quindi, il deumidificatore rinfresca senza agire direttamente sulla temperatura dell’ambiente (abbassando i gradi centigradi della stanza in cui è collocato), ma trasformando il caldo in secco e attenuandone la nostra percezione.

I consumi di un deumidificatore sono di norma inferiori rispetto a quelli di un condizionatore: proprio perché non c’è emissione di aria condizionata, ha bisogno di meno energia per funzionare. Anche i prezzi sono più contenuti: ovviamente esistono varie fasce di prezzo, ma un modello base di deumidificatore ha un costo sicuramente minore rispetto ad un condizionatore di pari livello. Quindi, per rispondere alla domanda se è meglio un condizionatore o un deumidificatore, ti consiglio di fare anche una valutazione economica.

Se vuoi saperne di più, leggi anche "Il deumidificatore, come funziona e a cosa serve"
 

Condizionatori per casa: caratteristiche

Il condizionatore combatte il caldo usando un’arma diversa: un getto di aria fredda emesso nell’ambiente, la cui temperatura può essere controllata a regolata a piacimento e a seconda delle esigenze. L’effetto è sicuramente più rapido: in pochi minuti l’elettrodomestico è in grado di abbassare o alzare i gradi centigradi impostati, dando un sollievo immediato

In commercio esiste anche il cosiddetto condizionatore deumidificatore, ovvero un tipo di condizionatore con funzione deumidificatore. Se non sai proprio scegliere tra i due elettrodomestici, questa potrebbe essere una soluzione. Sappi, però, che un condizionatore multifunzione non ha la stessa capacità di deumidificazione di un apparecchio sviluppato ad hoc per svolgere questo tipo di operazione. Non ti aspettare, dunque, la stessa potenza e lo stesso risultato.

Scopri quali sono i 5 migliori condizionatori portatili
 

Deumidificatore o condizionatore?

A questo punto non ci resta che tirare le somme e cercare di capire in quali contesti si possono sfruttare al meglio. Partiamo dal deumidificatore: consiglio di sceglierlo se il problema principale d’estate (ma anche d’inverno) è l’umidità. Per esempio se abiti in un’area geografica dove c’è molto vapore acqueo (vicino al mare o ad un fiume) oppure in un’abitazione particolarmente umida (se è collocata al piano terra o è mal isolata), allora quello di cui hai bisogno prima di tutto è uno strumento per eliminare l’umidità. Così facendo avrai già un enorme beneficio e potrai goderti una casa più fresca.

Il deumidificatore fa male? Assolutamente no. Sappi, infatti, che questo apparecchio serve anche a purificare l’aria domestica: dove c’è vapore e condensa è molto probabile che proliferino muffe, batteri e organismi nocivi per la nostra salute.
Ti ricordo l’ultimo vantaggio: il deumidificatore vince nel contenimento dei costi, sia per quanto riguarda il prezzo di acquisto che per i consumi energetici durante l’utilizzo.

Perché preferire invece un condizionatore? Lo consiglio a chi vive in un ambiente solitamente secco e ha bisogno di una soluzione veloce e potente per far scendere rapidamente la temperatura.
Inoltre, esistono modelli che integrano l’opzione pompa di calore: producono anche aria calda e funzionano come apparecchi di riscaldamento. Se il tuo impianto domestico non è abbastanza efficiente d’inverno, puoi potenziarlo (o sostituirlo) con un condizionatore di questo tipo. Soprattutto se non hai problemi di bolletta.