Da New York le novità Apple: nuovi Macbook Air, Mini e iPad

News
31/10/2018 Danilo Pagnin 1102

Nella non casuale location della Brooklyn Academy of Music di New York, Apple lancia i nuovi device: dal Macbook Air con display Retina dal prezzo "democratico" al nuovo iPad con vocazione supercreativa.

Tim Cook e il suo team (definito da lui stesso "the best team in the world") annunciano a New York le novità Apple: dall'atteso nuovo MacBook Air con display Retina all'ultimo iPad con Apple Pen magnetica a ricarica wireless, progettato per la massima creatività possibile, passando per il gioiellino Mac Mini, la platea ha acclamato con frequenti applausi e grida gli ultimi (e molto attesi) device della casa di Cupertino.  Vediamo più da vicino le principali novità Apple.
 

Nuovo Macbook Air: display Retina e touch ID a prezzo "democratico".

Ovviamente ho messo l'aggettivo democratico tra virgolette, perché stiamo parlando di un computer il cui prezzo di base è di  1199 dollari (cioè all’incirca 1055€), tuttavia non si può negare che vi sia l’intenzione di portare verso una fascia più bassa due chicche come il display Retina (con 4 milioni di pixel) e il touch ID, fino ad oggi riservate ai Macbook Pro. Il nuovo Macbook Air da 13.3'' infatti vede, tra le varie novità, proprio il salto di qualità del display, rispetto alla precedente versione 2016, e la presenza del touch ID di serie, grazie al chip T2 finora montato su macchine più potenti (e costose). L'annuncio di queste due caratteristiche durante l’evento organizzato a New York è stato salutato con particolare calore dalla platea: per quanto largamente annunciato, è stato acclamato come (giustamente) una vera novità per questa fascia di prezzo.
Altre ovazioni sono state tributate all'oratore quando ha parlato dei materiali utilizzati nelle novità Apple: ad un pubblico particolarmente "green" come quello degli amanti di Apple, è molto piaciuto il fatto che siano state usate plastiche riciclate al 60% e una scocca in alluminio che arriva addirittura al 100% di materiale riciclato.
Migliorata anche la dotazione di porte, con l'aggiunta della USB-C, oltre alla USB 3.0 e alla Thunderbolt 3.
Conclude la presentazione un cenno all’hardware più performante grazie ad un’architettura Intel Core i5 di 8° generazione, e una migliore resa del touchpad grazie alla maggiore area attiva.
Rispetto al predecessore, ha una massa complessiva del 17% inferiore ed un peso di soli 1,25 kg, e il sistema di altoparlanti è stato migliorato. Insomma, più piccolo, più leggero, più performante e con display Retina, senza sostanzialmente aver toccato la fascia di prezzo, che vede la versione con 128GB di disco fisso a 1199$, preordinabile e disponibile dal 7/11.
 

Nuovo Mac Mini, ancora più potente

Anche il "piccolo" per definizione di casa Apple ha subìto un importante upgrade: acclamato dalla platea quasi quanto l’Air, il nuovo Mini vanta una velocità hardware potenziata del 70% con processore Intel exa-core di 8° generazione, memoria RAM ddr4 da 2666MHz fino a 64GB (ovazione del pubblico all'annuncio di questo numero) e memoria storage fino a 2TB con disco SSD.
Anche la piccola scocca del Mini è stata realizzata in alluminio riciclato al 100%, e le sue plastiche sono riciclate al 60%. Insomma, lo slogan "the shortest distance between a great idea and a great result" presenta importanti vicinanze col dato di realtà tecnologico.

Nuovo iPad, tra display Liquid Retina e Realtà Aumentata

Che la scelta della location per presentare le novità Apple sia stata la Brooklyn Academy of Music di New York non è ovviamente casuale, e lo si capisce soprattutto nell’ultima parte dell'evento, quella dedicata al nuovo iPad, presentato con particolare enfasi non come un semplice device tecnologico, non come un punto di arrivo, ma un punto di partenza per scatenare la creatività e andare in nuove direzioni. Angela Ahrendts dal palco tocca corde care ad ogni americano: il senso dell'Oltre, della Frontiera, cita le nuove aperture di Apple Store nel mondo, ad esempio quello di Macao, in Cina, e quello nuovissimo di Piazza Liberty a Milano, inaugurato nel luglio di quest'anno, mostrando foto di giovani studenti che dipingono sullo schermo di un iPad con Sketchbook sulla scalinata davanti allo Store. La Ahrendts ricorda che sono ogni settimana migliaia le sessioni didattiche promosse dagli Apple Store nel mondo, a dimostrazione di come l'orizzonte di Apple non si fermi alla mera produzione di elettronica: fotografia, grafica, video-making  e musica trovano nell'iPad un formidabile alleato, e non a caso chiude l'evento un'emozionante performance di Lana Del Rey, accompagnata da un pianoforte, la quale ha elogiato l'apporto della tecnologia Apple nella sua esperienza di creazione e produzione di musica.

I nuovi iPad vantano uno spessore di 5,9 mm (contro i 6,99 del precedente) e display Liquid Retina da 11" e 12,9’", cioè la grandezza di un foglio protocollo, a dimostrazione della netta vocazione grafica dei nuovi device. Sottopelle si trova un concentrato di tutte le meraviglie della tecnologia Apple: chipset Bionico A12X, CPU su architettura 8-core con velocità dichiarata del 90% maggiore del precedente. Interessante anche per la nuova Apple Pencil con ricarica wireless a contatto (magnetico) con la scocca in alluminio, che con un semplice doppio tap sulla superficie si trasforma in gomma per cancellare, pennello o altre funzionalità. Particolare menzione alle capacità di AR (realtà aumentata), di cui viene mostrato un breve esempio (una ripresa video live in cui lo scenario è modificato con alberi e farfalline svolazzanti). Nuove features grafiche permettono l’utilizzo contemporaneo affiancato di 2 app (con eventuale interazione), di mostrare in trasparenza il menù impostazioni e quello delle app, di visualizzare e gestire i live tile della messaggistica e molto altro.
La sicurezza è affidata allo sblocco facciale, giudicato il metodo più sicuro per un'azienda che fa di questo aspetto uno dei suoi punti storici di forza: grazie all'illuminazione flood ad infrarossi, funziona anche al buio.
Insomma, se Van Gogh fosse con noi oggi, secondo Tim Cook probabilmente non potrebbe fare a meno di un iPad.