Come scegliere la cappa per la cucina

Guida all'acquisto
17/02/2017 Maria Antonia Frassetti 784

Elettrodomestico fondamentale per il riciclo dell’aria in cucina, la cappa è sempre di più anche un elemento di decoro. Sapete qual è il modello giusto per le vostre esigenze? Ve lo spieghiamo noi in questa guida.

A isola, da incasso, a parete, sottopensile, a scomparsa, ad angolo e a soffitto. C’è solo l’imbarazzo della scelta, a seconda della necessità e del gusto estetico. Ma di cosa stiamo parlando? Per chi non lo avesse ancora capito, delle cappe da cucina: un elettrodomestico indispensabile, anzi, obbligatorio per legge se si possiede un piano cottura a gas o elettrico. Al di là della funzione meramente pratica di aspirazione dei fumi e degli odori di cottura, le cappe sono diventate di diritto dei veri e propri complementi di arredo, costruiti in materiali pregiati (acciaio e vetro) e volti ad abbellire uno degli ambienti della casa in cui si trascorre più tempo, non solo per la preparazione e la consumazione dei pasti. In questo articolo vi spieghiamo tutto ciò che c’è da sapere sulle cappe: quali sono le diverse modalità aspiranti, le varie tipologie e i criteri da prendere in considerazione per l’acquisto di una nuova cappa.

Scegli la cappa da incasso per la tua cucina

Cappa aspirante o cappa filtrante?
In commercio esistono due tipologie di cappe in funzione della modalità di aspirazione. Le cappe aspiranti assorbono i fumi e i cattivi odori della cucina per poi convogliarli verso l’esterno dell’abitazione attraverso un apposito tubo di scarico. Le cappe filtranti – meno efficaci – si limitano ad assorbire l’aria e a filtrarla (eliminando grassi e odori), per poi immetterla nuovamente nella stanza “purificata”. Queste cappe vengono anche nominate a ricircolo, proprio perché l’aria non viene espulsa al di fuori della casa. Come anticipato, si tratta di una soluzione meno efficiente, da prendere in considerazione se non si passa molto tempo ai fornelli oppure se la cucina non è dotata del tubo di scarico specifico per l’installazione di un modello aspirante. Le cappe filtranti, inoltre, necessitano di una manutenzione periodica, ovvero il lavaggio o la sostituzione dei filtri per gli odori e i grassi.

Tipologie di cappe
Per quanto concerne la tipologia di installazione, esistono diverse opzioni possibili, che variano a seconda del gusto personale e del tipo di cucina in cui deve essere inserita la cappa. Una prima distinzione viene fatta tra le cappe sottopensile, cioè quelle a scomparsa nascoste da un’anta del mobile della cucina, e i modelli completamente a vista o semi-integrati. Molto amata, la cappa sottopensile garantisce ottimi risultati di aspirazione e vince in quanto a praticità, anche dal punto di vista della pulizia, soprattutto nelle cucine di piccole dimensioni dove ci sono pochi pensili a disposizione. Un altro tipo di cappa particolarmente apprezzata è il modello a parete, chiamato anche a camino per la sua forma: un’alternativa elegante, spesso in acciaio inossidabile, installabile su una parete completamente libera o tra un pensile e l’altro sopra il piano cottura, quindi con un impatto visivo importante. Se si cerca una cappa moderna e originale, che si faccia notare per estetica e design in una cucina di grandi dimensioni, ecco che la tendenza del momento è di prediligere la tipologia di cappa sospesa o cappa a isola, che viene ancorata al soffitto - da cui pende come un lampadario - sopra l’unità cottura posta al centro della stanza.

Altre caratteristiche: dimensioni e portata della cappa
Quanto deve essere grande una cappa? La sua larghezza (a partire dai 60 cm), così come anche la profondità, deve essere uguale o al limite superiore al piano cottura su cui è installata. Se fosse più piccola, infatti, risulterebbe difficile aspirare la totalità dei fumi e degli odori provenienti dalle pentole quando si cucina. La lunghezza, soprattutto per quanto riguarda le cappe aspiranti a parete, è variabile e dipende dalla posizione del foro di scarico. Un altro fattore importante da prendere in considerazione quando si acquista una nuova cappa è la portata o capacità di aspirazione, che si misura in metri cubi all’ora (m3/h). In questo caso, la scelta varia in base all’ampiezza della cucina e alla frequenza d’uso. Più la cucina è grande e più si usano regolarmente i fornelli (soprattutto per certi tipi di alimenti, come carne e pesce), maggiore deve essere la capacità di aspirazione della cappa alla massima velocità.

Cappe da cucina: le nostre proposte

Cappa Faber DCH34 SS18F

Sembra quasi lo schermo di un TV piatto di ultima generazione questa cappa a parete dallo stile moderno e originale. Realizzato in vetro nero, questo modello ha due modalità di aspirazione: sia filtrante che aspirante, a seconda delle esigenze. Sono disponibili tre velocità, più la funzione booster che aumenta la portata di aspirazione per alcuni minuti per far fronte ad esigenze particolari di cottura. Inoltre, la cappa integra l’opzione di spegnimento automatico ritardato se si lascia acceso l’apparecchio a fine cottura e una luce di cortesia a intensità regolabile.
Cappa Smeg KSEC61XE

Ecco una cappa sottopensile incassata con larghezza di 60 cm con frontalino a vista che coniuga funzionalità e qualità. Costruito in elegante acciaio inox satinato, l’apparecchio offre tre velocità di aspirazione e dispone di comodi comandi a pulsante e di una lampada alogena. I due filtri antigrasso integrati in alluminio per depurare l’aria dai grassi della cottura sono facilmente smontabili per la pulizia periodica. La capacità massima di aspirazione è di 230 m3/h, mentre il motore raggiunge una potenza di 85 W.
Cappa Electrolux EFG60563OX

Questa cappa in acciaio inox con larghezza di 56 cm totalmente integrata quasi non si vede nel mobile della cucina. Installabile in modalità filtrante e aspirante, offre un’aspirazione di tipo perimetrale a tre velocità. Le moderne lampadine a LED a basso consumo energetico permettono di avere una visione eccellente del piano cottura. Il filtro incorporato in metallo per lo sporco e il grasso è facilissimo da pulire e l’apparecchio integra una spia che avvisa quando i filtri sono saturi.
Cappa Samsung HC9247BX

Si tratta di una classica cappa a parete con il condotto per l’evacuazione dell’aria a vista. Con ben quattro velocità di aspirazione, questo apparecchio si contraddistingue per versatilità e silenziosità, grazie all’integrazione di materiali fonoassorbenti e tecnologie innovative. I filtri antigrasso in alluminio possono essere comodamente lavati in lavastoviglie. La larghezza di 90 cm fa sì che questo modello della collezione Style In Side si presti per piani cottura di grandi dimensioni.