Come pulire la lavatrice: trucchi e consigli

Guida all'acquisto
14/09/2017 Maria Antonia Frassetti 1842

La cura della lavatrice passa prima di tutto dalla sua pulizia. Sai come si fa? Bastano pochi ingredienti naturali e un po' di olio di gomito per avere un bucato perfetto e una lavatrice che duri a lungo.

Quante volte ti è capitato di avviare la lavatrice, ad esempio dopo un’estenuante giornata di lavoro, e di lasciare dentro il bucato (magari anche con l’oblò chiuso) fino al mattino successivo, perché te ne sei dimenticata o semplicemente perché eri troppo stanca per metterti a stendere i panni? Ecco, questa è una di quelle cose che si può definire una cattiva abitudine e che ho fatto anch’io ogni tanto (lo confesso). Ce ne sono anche altre, ovviamente. Così come ci sono alcuni accorgimenti da seguire se vuoi avere una lavatrice che lavi bene e per molti anni. So che è un’incombenza noiosa e annosa, ma va affrontata: la pulizia della lavatrice deve entrare nella nostra to do list mensile delle cose da fare in casa. Almeno fintanto che non inventeranno le lavatrici che si puliscono da sole (come i forni pirolitici autopulenti). 

Il perché l’ho già accennato: una lavatrice pulita è sinonimo di bucato perfettamente pulito e igienizzato, consumi ottimizzati e ciclo di vita prolungato della macchina stessa. Ma cosa “sporca” la nostra amata lavatrice? I nemici contro cui dobbiamo combattere sono principalmente incrostazioni di calcare, muffe e batteri, accumuli di detersivo e di ammorbidente, residui vari di sporcizia. Sconfiggerli è molto semplice e richiede poco tempo, bastano un po’ di olio di gomito (neanche troppo) e qualche ingrediente naturale che tutte noi abbiamo in cucina: aceto di vino bianco, bicarbonato e limone. Così le nostre mani non si rovinano, non inquiniamo l’ambiente e il nostro portafogli ci ringrazia. Sei pronta ad iniziare? 

Come pulire il cestello della lavatrice 
Partiamo dal cestello. Per pulire la superficie in acciaio inox dal calcare e allo stesso tempo disinfettarla dai batteri, ti consiglio di programmare una volta al mese un lavaggio a vuoto (meglio se ad alte temperature), versando direttamente all’interno della lavatrice un bicchiere di aceto di vino bianco e mettendone un po' anche nella vaschetta del detersivo. L’aceto in lavatrice è utile inoltre contro i cattivi odori. Per potenziarne l’effetto, puoi aggiungere del bicarbonato di sodio. Un piccolo accorgimento: per evitare la formazione di muffa, ricordati di togliere subito il bucato alla fine di ogni lavaggio e di asciugare il cestello. Lascia poi l’oblò sempre aperto quando l’apparecchio non è in funzione, così da favorire il passaggio dell’aria e impedire l’accumulo di acqua. 

Come pulire la guarnizione e la gomma
La guarnizione e la gomma della lavatrice sono le parti più delicate in cui la muffa prolifera più facilmente.  Anche qui raccomando una semplice accortezza: asciuga per bene le guarnizioni dopo ogni bucato, perché capita spesso che l’acqua si accumuli e ristagni negli interstizi. Per una pulizia mirata, utilizza una pasta naturale che puoi realizzare tu stessa in casa, da passare poi direttamente sulle parti in gomma con uno spazzolino da denti. La pasta può essere un mix di vari elementi: aceto, limone e bicarbonato di sodio oppure soltanto acqua e bicarbonato. L’importante è che l’impasto sia omogeneo e cremoso, non troppo liquido, altrimenti non aderisce bene alla gomma e non fa il lavoro come dovrebbe.

Come pulire il filtro
La pulizia del filtro può essere gestita anche una volta all’anno, fortunatamente. Il filtro di scarico dell’acqua è di norma posizionato in basso nella parte frontale della lavatrice ed è protetto da un piccolo sportello. La rimozione del filtro va fatta quando la macchina non è in funzione e dopo aver accuratamente chiuso l’acqua. Quando effettui questa operazione, tieni sempre un contenitore sotto allo sportellino, perché è possibile che fuoriescano acqua e sporco residui. Una volta smontato, pulisci il filtro mettendolo sotto un getto di acqua corrente e munisciti del solito spazzolino con la pasta di bicarbonato. Se il filtro è particolarmente incrostato a causa del calcare e dello sporco, puoi lasciarlo prima in ammollo in una soluzione composta da acqua e aceto per qualche ora. La stessa miscela può essere usata per sgrassare la vaschetta del detersivo e dell’ammorbidente. 

Come hai visto non servono per forza prodotti chimici per avere una lavatrice in buona salute e perfettamente funzionante, nonostante molte pubblicità in TV cerchino di convincerci del contrario. I cosiddetti rimedi della nonna (ammesso che le nostre nonne avessero una lavatrice per lavare il bucato) non vanno mai sottovalutati, anche perché fanno risparmiare molto tempo prezioso (oltre ad essere efficaci). Provare per credere!