Accordo Sony-Microsoft, a breve giochi gratis on-line?

News
20/05/2019 Danilo Pagnin 324

Non senza un certo stupore, le due storiche aziende rivali nel mondo del gaming firmano un accordo: la guerra tra Microsoft e Sony è finita?

Immagina di vedere Sebastian Vettel gareggiare coi colori Ferrari seduto in una monoposto Mercedes e Hamilton entrare tranquillamente in una Rossa e iniziare il giro di qualificazione. L'effetto della notizia dell'accordo tra Sony e Microsoft sul gaming deve aver evocato qualcosa di simile negli sviluppatori e creativi delle rispettive aziende, abituati da molti anni ad una lotta senza quartiere per conquistarsi il gradimento delle rispettive "crew" di gamers. Ma cosa riguarda effettivamente questa nuova partnership? Si apriranno forse le porte per più giochi gratis on-line?
 

Xbox e Playstation spariranno?

Per quanto alcuni dettagli dell'accordo non siano noti, non è assolutamente in discussione l'eventuale soppressione dei due superbrand Xbox e Playstation: la nuova partnership infatti non interverrà sulle console ma è relativa in particolare al cloud gaming, cioè il settore in cui i due colossi smetteranno di farsi la guerra trovando profittevoli motivi di collaborazione piuttosto che di rivalità (o almeno questa è l'ipotesi su cui hanno basato la loro piattaforma di accordo). Insomma, la Playstation non si tocca, come hanno precisato i vertici stessi di Sony, alle prese anche con una certa agitazione all'interno della propria divisione gaming dopo l'annuncio dell'accordo: in Giappone il senso di appartenenza aziendale ha un valore simbolico molto forte e molto diverso rispetto a quello a cui siamo abituati in Europa, pertanto la reazione era prevedibile. Ma se Playstation e Xbox resteranno al loro posto, cosa riguarda più nel dettaglio questo accordo?
 

Intelligenza Artificiale e Azure per il gaming del futuro

Se sei un gamer accanito, ti sarà noto che, nonostante anni di sforzi da parte di Sony, il successo della propria piattaforma di game streaming non è stato certo all'altezza delle aspettative. E questo è senz'altro uno dei motivi che hanno indotto il colosso giapponese a cercare nella piattaforma di cloud computing Azure di Microsoft il miglior alleato per colmare il gap tecnologico legato per esempio alla velocità di download. Non è un caso che l'annuncio dell'accordo con Sony giunga infatti quasi in contemporanea con il Microsoft Build 2019, tenutosi l'8 maggio, in cui l'azienda di Redmond ha annunciato una serie di novità riguardanti l'AI e Azure: le nuove features a disposizione degli sviluppatori favoriranno l'integrazione con il game streaming di Sony, potenziando i servizi di download e di condivisione.
 

Nuovi scenari: Sony e Microsoft vs Stadia?

Gli war games futuri non possono non tener conto dell'inquietante spettro che si aggira per il mondo del gaming online, cioè la  nuova piattaforma Stadia di Google: non è così improbabile che i due storici rivali pensino ad un'alleanza per contrastare quello che potrebbe diventare il vero Nemico da battere in futuro sul terreno dello streaming, cioè proprio il nuovo "giocattolo" del gigante di Mountain View. All'interno di questi spostamenti di truppe ed eserciti, nel gamer incallito sorge sempre la speranza di poter approfittare degli spazi aperti da guerre e paci magari per scaricare qualche gioco online gratis in più: ma non sarà questo il caso.