10 consigli per organizzare le pulizie di primavera

Guida all'acquisto
03/04/2018 Carlo Peroni 2588

La bella stagione è alle porte, le giornate si allungano, è arrivato il momento delle pulizie di primavera. Grazie a questa guida potrai pulire casa senza temere alcuno stress.

Il solo pensiero delle pulizie di primavera ti mette ansia e voglia di scappare lontano? Niente paura, questo è il momento perfetto per fare il punto sulla tua casa. Se segui i miei consigli su come organizzare le pulizie di primavera, potrai ottenere il massimo da questa incombenza dalla fama ingiustamente cattiva. Nel giro di qualche giorno la tua casa tornerà a splendere e l'ordine che porterai nella tua abitazione ti preparerà ad affrontare al meglio i prossimi mesi di bella stagione.
 
1. L'organizzazione prima di tutto
Pulizie di primavera: da dove iniziare? So che possono sembrare un ostacolo insormontabile. Il trucco è dividere ogni macroattività in tanti compiti più piccoli. Il primo, essenziale passo è, quindi, quello di armarsi di penna e taccuino per stabilire un piano d'azione.
Se ti ritieni una persona tecnologica, ci sono alcune app che potrebbero fare al caso tuo, come Google Keep o Todoist. Digitale o cartacea, la lista di tutte le incombenze andrà poi divisa in task più piccole, fino a quando ognuna di esse sarà chiara e non così ampia da causare preoccupazione. Ora devi essere sicuro di avere tutto il necessario per la grande pulizia di primavera che ti aspetta: stracci e spugne, detersivi e detergenti specifici, la giusta aspirapolvere. Niente è più fastidioso di dover interrompere il lavoro sul più bello perché ti manca proprio quel prodotto di cui non puoi fare a meno.

2. Pulizia di casa e organizzazione: stabilire le priorità
Hai iniziato alla grande con la tua to do list, il tuo progetto delle pulizie di primavera sta prendendo forma, ti senti pieno di ambizione e buona volontà. Ottimo! È fondamentale stabilire delle priorità, per ordine di svolgimento richiesto o per importanza. Alcune persone preferiscono mettere al primo posto le incombenze più pesanti. Se sei consapevole di aver trascurato una parte della tua casa, potresti cominciare proprio da lì. In quante abitazioni la stanza degli ospiti diventa un magazzino di cianfrusaglie? Chi non ha uno sgabuzzino che straborda di vecchi oggetti inutilizzati? Oppure il tuo balcone è pieno di piante morte e vasi infestati da erbacce? Ecco, sai da dove iniziare per organizzare le pulizie. Svolgere per prime quelle incombenze che rimandi da sempre non farà che dare slancio a tutte quella attività un poco più piacevoli.

Darsi delle priorità ha però un’altra importante funzione. Sei obbligato a decidere che cosa conta davvero per te. Hai predisposto una piccola palestra casalinga per metterti in forma in vista dell’estate? Se metterai la giusta cura per farla risplendere, anche i tuoi allenamenti ne gioveranno. Lavori da casa e non sei soddisfatto del tuo angolo ufficio? È il momento giusto per utilizzare quel prodotto buono e profumato per pulire la scrivania e sistemare tutto l’archivio dei documenti. Hai incominciato una nuova dieta o un corso di cucina? Ecco l’occasione per sbrinare il freezer e riorganizzare le credenze.

3. Decluttering: decidere che cosa buttare
Negli ultimi anni si è imposta una nuova parola d’ordine in fatto di economia domestica: decluttering. Letteralmente significa eliminare la confusione e sta ad indicare la fondamentale attività di liberarsi del superfluo. Nel bestseller Il magico potere del riordino, Marie Kondo ci dice che "riordinando si mette in ordine il passato; di conseguenza, si prende coscienza di ciò che conta davvero nella nostra vita e di ciò che invece non serve; di ciò che bisogna fare e di ciò che invece bisogna lasciarsi alle spalle". Organizzare le pulizie di casa ci permette di fare ordine non solo nella nostra casa, ma anche nel modo in cui organizziamo le nostre giornate e, perché no, anche nella nostra mente. Per lasciare spazio alle novità, bisogna liberarsi del passato.

4. Trovare degli amici che ci aiutino
Le pulizie di primavera non devono essere un’impresa solitaria. Che siano familiari, conviventi o semplici coinquilini, tutti devono dare il proprio contributo nel pulire casa. Girare i materassi, tirar giù le tende, spostare mobili e tappeti: molte faccende sono più veloci se si è in due. Se sei solo o non hai nessuno in casa che ti può aiutare, puoi chiedere una mano ad amici o vicini di casa. Naturalmente il favore dovrà essere reciproco.

5. Divani, tende, tappeti
Mentre molte delle attività casalinghe vengono svolte regolarmente (lavatrice, pulizia dei sanitari, pulizia di pavimenti), le pulizie di primavera sono l’occasione pensata per la pulizia approfondita di tutto ciò che è di tessuto: tappeti, copridivani, tende e materassi. Per quanto riguarda quest’ultimo è importante arearlo e girarlo. Molti materassi hanno un lato invernale e un lato estivo, in caso contrario è sufficiente girarlo testa-piedi di 180° così da prevenire eventuali affossamenti. Spargere del bicarbonato sui cuscini e materasso (come fosse dello zucchero a velo), per poi lasciarlo agire per mezz’ora e aspirare, è un ottimo modo per igienizzarli.

Le tende possono essere lavate in lavatrice, mentre per quanto riguarda i tappeti puoi decidere se portarli in lavanderia oppure se procedere in autonomia con una battitappeti e alcuni rimedi naturali. Il bicarbonato è sempre un ottimo alleato, ma anche un pulitore a vapore o un aspirapolvere con filtro ad acqua sono potenti strumenti che non utilizzano sostanze chimiche.

Leggi anche la guida "I 5 migliori pulitori a vapore"

6. Il migliore alleato: aspirapolvere a traino o scopa elettrica?
In fatto di pulizie di primavera il migliore alleato è il giusto aspirapolvere. Se vuoi dare un serio taglio alla polvere che si nasconde negli angoli più impervi della tua abitazione non puoi assolutamente farne a meno. Ogni modello è pensato per esigenze specifiche e si presenta più adatto per un determinato tipo di pulizia. Se vivi in appartamento e non hai eccessivi ingombri per la casa, probabilmente un aspirapolvere a traino sarà sufficiente per eliminare la parte più consistente di polvere e sporcizia. Le scope elettriche, invece, sono ideali per un tipo di pulizia più agile, poiché sono ideali per raggiungere gli angoli più lontani senza il rischio di attorcigliare i fili a mobili e sedie. La scopa elettrica è ideale anche per pulire le scale. Se la tua casa è su più piani, con la giusta scopa elettrica, l’aspirazione sarà un piacere dalla taverna alla mansarda.

7. Elettrodomestici: come pulirli
Elettrodomestici come frigorifero, lavastoviglie e lavatrice ci aiutano nelle faccende di tutti i giorni, risparmiandoci molto tempo e fatica. Le pulizie di primavera sono il momento per occuparsi di una loro pulizia approfondita. Bisogna controllare lo stato di filtri e pompe di scarico, fornirsi di prodotti per la manutenzione come l’anticalcare. Smettete di comprare surgelati e cercate di smaltire eventuali scorte, così potrai sbrinare il freezer. Dedica un po' di attenzione anche agli interni del forno. Se non vuoi riempirti di prodotti chimici, ricorda che esistono moltissimi rimedi naturali e fai da te. Aceto per igienizzare e limone per profumare possono essere aggiunti all’acqua per pulire moltissimi punti della cucina che di solito tralasciamo. La corretta manutenzione degli elettrodomestici che utilizziamo tutti i giorni allunga la loro vita e li fa funzionare al meglio delle possibilità.

8. Come organizzarsi per pulire casa: dall'alto verso il basso
In fatto di pulizie approfondite c’è un consiglio molto importante: bisogna procedere dall'alto verso il basso. La cosa è da prendere in senso letterale! Negli angoli in alto di ogni stanza si nascondono le ragnatele, la parte superiore dei lampadari è un ricettacolo di polvere. Sarai stupito da quello che troverete sopra gli armadi e sugli infissi più alti. Per togliere la polvere dai muri è sufficiente una spugna da inumidire in una bacinella di acqua tiepida, in cui mettere giusto qualche goccia di candeggina o aceto. Passare ogni stanza dall'alto verso il basso può risparmiare la spiacevole eventualità di sporcare laddove già avevate pulito.

9. Il cambio d'armadio ed altri extra
Le pulizie di primavera possono rinnovare l’amore che provi per la tua casa, ma è importante non strafare. Nei miei consigli mi sono limitato a considerare gli interni di un’abitazione media. Ho tralasciato alcune parti fondamentali: lo spazio esterno, che può essere un piccolo balcone, ma anche un giardino. Sta alle tue valutazioni capire se includere questi spazi nel tuo progetto di pulizie primaverili. Come già detto, dipende tanto dalle tue esigenze quanto da quello a cui hai deciso di dare priorità.

Un discorso analogo vale per il cambio di stagione negli armadi: nel caso fossi single e la moda non è il tuo interesse preferito, con molta probabilità potresti includere il cambio di stagione nel progetto delle pulizie primaverili. Se invece devi pensare a tutta la famiglia o se fossi tra i fortunati ad avere un’intera stanza guardaroba per i tuoi vestiti, faresti meglio a separare le due attività. In entrambi i casi ricorda l’importanza del decluttering, eliminare il superfluo è il primo passo per ridare freschezza al proprio look, oltre che ai propri armadi.

10. Progettare il futuro
Durante l'organizzazione delle pulizie di casa ti verranno certamente un sacco di nuove idee su come mantenere la casa pulita per il futuro. Avrai inoltre molto più chiaro che cosa ti piace e anche quello che vorresti cambiare. Non c’è bisogno di aspettare l’anno prossimo. Ora che le fondamenta della tua economia domestica sono solide, per ogni ulteriore miglioramento basta tornare a quello che ci siamo detti al punto 1 e al punto 2: segna tutto su un taccuino e decidi che cosa è davvero importante, e quindi prioritario, per te stesso e la tua casa. Ora che i fondamentali delle pulizie di primavera ti sono chiari, anche la normale pulizia di manutenzione ti verrà facile e naturale.