Monclick Magazine Mobile Smartphone e social network causano davvero dipendenza?
Mobile

Smartphone e social network causano davvero dipendenza?

News
15 gennaio 2016 Giulia Dalessandro 225

Se non riusciamo a staccare gli occhi dal display del cellulare, non resistiamo più di cinque minuti senza guardare le notifiche, se pensiamo di aver perso il telefono o ci sembra stia squillando quando invece non è così, potremmo essere dipendenti da smartphone



Nomofobia è il nome attribuito da recenti studi alla paura di non essere connessi alla rete, termine che deriva dall’anglosassone no-mobile phone. Ci sono diversi gradi di dipendenza che passano dal semplice continuare a giocare scambiando il proprio telefono con una console, all’esibizionismo dell’acquisto dell’ultimo modello di smartphone super ultra iper tecnologico e alla moda.

Clicca qui per vedere tutti gli smartphone

Ma le dipendenze più frequenti sono quelle da sms e da social network, infatti le app come Whatsapp e Facebook sono quelle più pericolose. È stato notato che un callo al pollice e il “collo smartphone”, ovvero una deformazione delle vertebre cervicali, sono fra i più comuni effetti della dipendenza da smartphone: il continuo scrivere messaggi e l’avere costantemente la testa inclinata possono seriamente nuocere alla salute.
 
Un senso di malessere e ansia può subentrare anche quando il telefono si scarica e insorge l’impossibilità di comunicare con il resto del mondo. Da qui nasce il bisogno di avere sempre con sé una seconda batteria o un caricatore portatile, una power bank.
 
La dipendenza nasce proprio perché portiamo lo smartphone sempre con noi, lo usiamo ovunque, abbiamo la possibilità di essere sempre raggiungibili. Quest’uso smoderato tuttavia può portare a un isolamento dal resto del mondo, a sbalzi d’umore, disturbi del sonno, perdita d’interessi.
 
Svegliarsi e controllare la propria pagina Facebook, aggiornandone continuamente i contenuti per il resto del giorno, entrare in competizione con altre persone per la quantità di utenti associati alla propria pagina Facebook, Instagram o Twitter. Tutto questo può dare un senso di appagamento momentaneo, ma crea anche un’autostima fittizia e una distorsione di quelle che possono essere le relazioni d’amicizia. 
Ma come per ogni dipendenza, si può guarire anche da questa con piccoli passi, cominciando dall’attivare il codice di sicurezza per sbloccare lo schermo al disattivare le notifiche. Per frenare la crisi è utile poi dimenticare volutamente il proprio smartphone per ore, ad esempio consultando la posta e leggendo i messaggi solo in pausa pranzo, evitando di controllare la propria pagina social appena svegli, durante la colazione e lasciare il check mattutino solo una volta usciti di casa e magari in metropolitana. Ma soprattutto evitare il telefono a tavola perchè un po’ di bon ton non ha mai fatto male a nessuno.
Condividi
Seguici Su