Nuova Panasonic Lumix FZ82: perché scegliere una fotocamera bridge

News
19/01/2017 Alessandra Basile 205

Al CES di Las Vegas non sono mancate le novità in ambito fotografia. Abbiamo deciso di presentarvi il nuovo modello di fotocamera bridge firmata Panasonic e spiegarvi perché dovreste acquistare questo tipo di dispositivo.

Come ormai probabilmente saprete, pochi giorni fa è calato il sipario su una delle più importanti fiere high-tech, il CES di Las Vegas. Vi abbiamo già raccontato quali sono state le novità più interessanti su vari fronti (smartphone, TV, audio, elettrodomestici), ma oggi vogliamo spendere qualche parola su una delle novità migliori secondo noi nel comporto fotografia, vale a dire la nuova Panasonic Lumix FZ82, un modello di bridge che va ad arricchire la fortunata gamma FZ e che sarà disponibile in Italia dal mese di aprile. E se non sapete con chiarezza cos'è una fotocamera bridge e perché dovreste sceglierla, ve lo spieghiamo noi.

Scopri tutte le fotocamere Panasonic

La nuova Panasonic Lumix FZ82: le caratteristiche tecniche
La fotocamera Panasonic Lumix FZ82 è una bridge che monta il nuovo sensore ad alta sensibilità MOS High Sensitivity da 18,1 MP ed un obiettivo ultra grandangolare Lumix DC Vario da 20 mm con zoom ottico 60x (corrisponde, quindi, a un obiettivo 20-1200 mm di una fotocamera da 35 mm).
Questa fotocamera è dotata anche di Intelligent Zoom che permette di estendere il rapporto di moltiplicazione dello zoom fino a 120x. L'interpolazione digitale in genere tende a impoverire la qualità dell'immagine e a sgranarla, Panasonic garantisce comunque che la qualità degli scatti non venga intaccata. Sul tema zoom è risaputo che è necessario intervenire con uno stabilizzatore ottico, così da evitare i tremolii tipici di quando si avvicina l'inquadratura. Sulla Lumix FZ82 troviamo lo stabilizzatore POWER O.I.S. con Active Mode, utile sia per scattare fotografie, sia per registrare video.
Questa nuova fotocamera bridge presenta un AutoFocus ad alta velocità ed elevata precisione con tecnologia DFD (Depth From Defocus), per ridurre il tempo di messa a fuoco. LUMIX FZ82 calcola la distanza dal soggetto valutando due immagini con differenti livelli di nitidezza ad una velocità di scambio segnale da 240 fps, raggiunge quindi un AF di circa 0,09 secondi.

Scopri tutte le altre novità presentate al CES di Las Vegas

Massima qualità per fotografie e video
Come detto, il sensore in dotazione è un MOS High Sensitivity da 18,1 MP – il processore di immagini LSI Venus Engine che vi è abbinato ne eleva ulteriormente risposta, sensibilità e qualità delle immagini.
Inoltre, grazie alla tecnologia 4K sia per le fotografie, sia per i video, la nuova bridge di Panasonic diventa un'ottima alleata per catturare anche le scene più veloci e dinamiche alla velocità di 30 fps. Grazie alla funzione 4K Photo con cui potrete estrapolare le immagini migliori e salvarle come foto e, magari, immortalare qualche passaggio davvero particolare.
Interessante, invece, la funzione Post Focus con cui sarete in grado di modificare il focus delle vostre fotografie anche dopo lo scatto. Utile, ad esempio, nelle riprese macro o semplicemente se volete cambiare l'impatto espressivo dell’immagine. Diciamo per... "ripensamenti di focus". Con la bridge Lumix FZ82 potrete anche registrare video ad elevata risoluzione 4K QFHD 3840 x 2160 a 25p con la costante presenza dell'AutoFocus, sfruttando tutte le potenzialità dello zoom ottico da 60x supportato dallo stabilizzatore ottico. Insomma, non dovreste proprio aver fatica a creare video ad elevata qualità con dettagli nitidi e precisi. Sempre parlando di video, infine, questo dispositivo dispone della funzione 4K Live Cropping che consente di eseguire panning e zoomate stabili.

Caratteristiche ergonomiche
La nuova Panasonic Lumix FZ82 dispone di un display touch da 3 pollici, con 1040K punti ad alta risoluzione, caratterizzato da un campo visivo di circa il 100%. Il mirino, invece, presenta la tecnologia LVF (Live View Finder), ha una dimensione di 0,2 pollici con un rapporto di ingrandimento di circa 2,59x / 0,46x (35 mm equivalenti) in 1.170K punti ad alta risoluzione, con un campo visivo del 100%.

Ma cos'è una fotocamera bridge e perché dovreste sceglierla al posto di una reflex?
La bridge è molto più di una semplice fotocamera compatta, ma non è una reflex. Il nome stesso, bridge (ponte) lascia intuire il suo collocamento nel comparto fotografico: rappresenta una sorta di "scelta intermedia" tra compatta e reflex, sublimando gli aspetti positivi di entrambe.
Una fotocamera bridge, infatti, garantisce una qualità delle immagini nettamente più elevata rispetto ad una fotocamera compatta, avvicinandosi molto alla resa tipica delle fotografie scattate con una reflex. Però, rispetto ad una reflex, monta un solo obiettivo. Scordatevi, quindi, le ottiche intercambiabili. Con una bridge non dovrete portarvi dietro il classico zaino con il corpo della fotocamera e gli obiettivi da cambiare a seconda della scena da immortalare. Gli obiettivi delle bridge sono in grado di coprire la lunghezza focale che con una reflex potreste eguagliare usandone almeno due (il grandangolare e il tele).
Non solo, non pensiate che con una bridge dovrete limitarvi alle modalità di scatto di una qualsiasi fotocamera compatta. Le fotocamere bridge consentono di impostare tutte le regolazioni manuali, come le reflex, per poter esprimere al meglio la vostra creatività e "giocare" con le foto.

Anche per quanto riguarda il peso, le bridge fanno da ponte tra le compatte e le reflex. Superano sicuramente peso e ingombri di una compatta, tuttavia risultano più leggere rispetto ad una reflex. In breve, non aspettatevi di poter infilare al volo una fotocamera bridge nella tasca della giacca, ma potrete comunque sfruttarla al meglio tenendola al collo (senza massacrarlo) durante le vostre gite.
In definitiva, dovreste scegliere una bridge se non volete cedere a compromessi per quanto riguarda la qualità delle vostre fotografie in ogni condizioni di luce e di ripresa, ma volete liberarvi dal fardello degli obiettivi intercambiabili. Si prestano al meglio per la fotografia da viaggio e outdoor in genere grazie alla libertà di regolazione che vi permetterà di catturare tutte le sfumature dei luoghi che visiterete, senza però appesantirvi più del dovuto.