Monclick Magazine Ufficio La videosorveglianza negli hotel fra sicurezza e privacy
Ufficio

La videosorveglianza negli hotel fra sicurezza e privacy

Guida all'acquisto
20 gennaio 2016 Giulia Dalessandro 675

Tra pubblico e privato gli hotel sono spazi che possono necessitare di controlli e quindi di un occhio in più. Si presenta l’esigenza di garantire sicurezza alla clientela e al personale e soprattutto quella di trovare un equilibrio tra la tranquillità degli ospiti e la loro privacy



Una struttura alberghiera piccola o di medie dimensioni ha idealmente spazi interni ed esterni, spazi comuni per cui è necessario controllare e prevenire aggressioni, furti, danneggiamenti, atti di vandalismo e anche la sicurezza sul lavoro. Reception, sale ristoranti, parcheggi esterni, sale conferenze e corridoi sono gli spazi che necessitano maggiormente di sorveglianza. Ma garantire sicurezza alla clientela vuol dire anche non violare la loro privacy.
 
Si tende spesso a un’integrazione non invasiva degli impianti per una sorveglianza discreta con delle mini dome, delle videocamere ultracompatte utili in spazi quali ingresso, reception e corridoi, perfette anche in condizioni prive di alimentazione di rete elettrica, grazie alla tecnologia PoE (Power of Ethernet), che sopperisce alla mancanza di corrente elettrica con l’utilizzo del cavo Ethernet. Il monitoraggio è possibile anche in ore notturne, o in ogni caso in situazioni di scarsa illuminazione, grazie a LED di illuminazione a infrarossi che hanno un campo visivo fino a 5 metri di distanza nel buio. La telecamera rileva anche suoni e movimenti, registrando immagini e video senza necessitare di un pc o di una configurazione complessa.

Spesso è possibile controllare tutto tramite un’app per dispositivi mobile e ciò interviene a favore di quella che è la limitazione di registrazione e conservazione delle immagini.
 
Una soluzione per gli spazi esterni, come il parcheggio, la piscina o anche solo l’ingresso o il perimetro della struttura, può essere quella di una telecamera da esterno ad alta risoluzione, anch’essa dotata di tecnologia PoE, adatta ad affrontare le condizioni climatiche esterne. Ideale per ogni situazione, consente di rilevare movimenti, di registrare automaticamente e inviare mail di notifica, con uno streaming in tempo reale in alta definizione, capace di registrare anche su una scheda MicroSD ed espandibile collegando altre telecamere gestite da un unico software.
 
Un’altra soluzione "discreta" può essere quella di un sistema di sorveglianza tutto in uno, composto da quattro telecamere, che offrono un campo visivo orizzontale di 102° e supporta risoluzioni fino a 720p, alimentate da un’unità principale e due schede SD (con uno spazio di archiviazione di 128 GB) che permettono di memorizzare video da una a due settimane. Il sistema è facilmente installabile e consente anche un accesso in remoto o tramite un’app disponibile per iOS e Android.

Scopri la soluzione che fa per te con una ricerca guidata
 
Una sicurezza sempre affidabile consiste anche nel preservare la privacy della clientela, del personale dipendente della struttura alberghiera e persone in transito nello lo spazio pubblico, sottoposto esternamente a videosorveglianza. Il Provvedimento generale sulla videosorveglianza del 29 aprile 2004 prevede infatti l’affissione di un’informativa minima sotto forma di “cartello” con un simbolo che indica l’area videosorvegliata. Questa deve essere chiaramente visibile, presente anche più volte se il circuito di sicurezza prevede la disposizione di più telecamere, e indicare per quali scopi è previsto il rilevamento delle immagini.
Il mancato rispetto di questo provvedimento fa incorrere in sanzioni amministrative poiché in realtà l’installazione di telecamere è lecita solo quando altre misure di sicurezza sono ritenute insufficienti o inattuabili e occorre sempre valutare se il suo utilizzo segue gli scopi perseguiti.
 
Ricordiamo però che non in tutto il complesso turistico è possibile installare telecamere, vale ad esempio per bagni comuni, spogliatoi e camere. Non è possibile catturare immagini, ma in merito alla sicurezza anti incendio è possibile installare dei rilevatori di fumo wireless, cioè dei sensori alimentati a batteria che avvertono immediatamente quando viene rilevato il fumo attivando un sistema di allarme.
 
Un occhio in più per garantire sicurezza e affidabilità è importante, ma la videosorveglianza non deve essere invadente. 
Condividi
Seguici Su