Monclick Magazine Mobile I consigli per fotografare bene con lo smartphone
Mobile

I consigli per fotografare bene con lo smartphone

News
22 gennaio 2016 Maria Antonia Frassetti 199

Ormai è di uso comune scattare foto utilizzando dispositivi mobili, anziché le tradizionali macchine fotografiche. Chi sostiene che non è possibile realizzare delle immagini di qualità si sbaglia. Non solo perché la tecnologia dei cellulari ha fatto passi da gigante.  



Chi non ha mai scattato una foto con lo smartphone alzi la mano! Ormai lo facciamo tutti, compresi i fotografi professionisti più “puristi” che iniziano addirittura a organizzare mostre e corsi ad hoc. Fotografare con un device portatile – che può essere anche un tablet – ha i suoi innegabili vantaggi: è più facile da portare in giro, soprattutto in certe condizioni estreme o difficili, l’immagine può essere immediatamente ritoccata con un apposito software (senza dover essere scaricata prima sul PC) e può anche essere condivisa su whatsapp oppure sui social in tempo reale. 

Scegli il tuo smartphone!

Lungi dall’affermare che lo smartphone o il tablet possano sostituire una reflex o una qualsiasi altra macchina fotografica, non si può non riconoscere la qualità delle immagini scattate con un device mobile, almeno se realizzate in un certo modo e in certe condizioni. Sicuramente la tecnologia avanzata dei telefoni cellulari di ultima generazione aiuta. Ma non è tutto: ecco alcune dritte da seguire se si vogliono scattare delle foto apprezzabili e interessanti.

Per iniziare
Ciò che può apparire ovvio, in realtà, non va mai dato per scontato. Per questo motivo, è sempre bene pulire la fotocamera dello smartphone prima del suo utilizzo. Pensate a dove lo tenete durante il giorno: in borsa, in ufficio, nel bagno, nella tasca dei jeans o del cappotto – giusto per fare qualche esempio. Questo vuol dire che l’ottica si ricopre quotidianamente di polvere, pelucchi, gocce d’acqua che possono alterare la qualità dello scatto. L’impugnatura è un altro aspetto da non sottovalutare. Il cellulare va tenuto in modo saldo e fermo con entrambe le mani. Ovviamente non troppo, altrimenti si rischia di fare la foto alle proprie dita. Per i più pignoli esistono anche dei piccoli treppiede per smartphone. L’alternativa più “spartana” potrebbe essere semplicemente quella di appoggiarsi a un muro o a una base ferma per evitare foto sfocate o mosse.

Quali parametri settare e come
Avere qualche nozione di fotografia può essere utile per la gestione delle impostazioni della fotocamera integrata dello smartphone. Si tratta comunque di parametri basilari, facilmente regolabili da chiunque. 

Incominciamo dalla risoluzione, misurata in megapixel. Teoricamente, più megapixel ci sono, più le foto vengono nitide e ben definite. Questo non è sempre vero se si fotografa con uno smartphone. In condizioni di luce diffusa, si raccomanda di impostare la massima risoluzione possibile del dispositivo. Questa accortezza non va invece adottata se la luce è scarsa, in quanto la foto rischia di perdere notevolmente di qualità.
Per quanto riguarda la sensibilità ISO, ovvero la sensibilità del sensore della fotocamera alla luce, si raccomanda di settarla su valori bassi sia di giorno che di sera. Se si utilizzano valori eccessivamente alti come quelli preimpostati, ad esempio sopra agli 800 ISO, con l’idea di avere immagini più luminose, è possibile che compaia del rumore digitale sulla foto e che il risultato sia diverso dalla realtà. 

Non usate assolutamente lo zoom digitale, in quanto sgrana notevolmente le immagini. Se volete fotografare un dettaglio o riprendere un’immagine più da vicino, semplicemente avvicinatevi. Idem per il flash: evitate di utilizzarlo, anche quando la luce è poca. Il soggetto fotografato risulterebbe eccessivamente illuminato e poco realistico. Se la situazione è troppo buia, cercate di illuminarla utilizzando della luce naturale oppure una fonte esterna.

Cosa fotografare
Proprio per le peculiarità della fotocamera integrata, alcuni soggetti si prestano meglio a essere immortalati con uno smartphone rispetto a altri. Trattandosi di un grandangolare, sicuramente sono i paesaggi a venire meglio, soprattutto in condizioni di luce diurna. Per evitare l’effetto “cartolina” o avere un’immagine troppo monotona e noiosa, si può decidere di inserire un tocco creativo nella foto, utilizzando uno dei tantissimi filtri presenti nelle applicazioni per il fotoritocco. Senza esagerare, però!
Condividi
Seguici Su