Monclick Magazine Ufficio Creare una rete wireless domestica, cosa sapere
Ufficio

Creare una rete wireless domestica, cosa sapere

Guida all'acquisto
24 novembre 2015 Monclick 666

Creare una rete Wi-Fi in casa propria è semplice, ma è necessario conoscere alcune informazioni essenziali. Scopriamo quali dispositivi comprare e come installarli in casa.

Se vuoi sapere come creare una rete Wi-Fi in casa, ci vuole innanzitutto un access point da collegare al cavo telefonico, ma si può anche decidere di acquistare un router wireless senza modem da aggiungere all'hardware esistente.

Questo dispositivo emette un segnale radio a cui si possono collegare smartphone, PC e altri device. La portata di questo segnale si aggira sui 30 metri circa di distanza senza ostacoli (all'aria aperta), ma questo valore diminuisce se ci sono dei muri da attraversare.
In case molto grandi o a più piani sarà utile usare un wireless extender. Questo dispositivo non fa altro che ricevere un segnale Wi-Fi debole e crearne uno nuovo che può coprire la porzione di casa in cui non arriva il segnale principale. Usando uno o più extender, possiamo coprire un'area molto vasta e tutte le stanze della casa.
È importante quindi scegliere con cura la posizione in cui collocare l'access point. I problemi di copertura in generale si possono risolvere comprando prodotti con migliori prestazioni e caratteristiche avanzate.

Creare rete wireless 

Per la prima accensione di solito ci vuole un cavo di rete (spesso incluso nella confezione) per collegare il nuovo access point al PC. Basterà collegarsi a un certo indirizzo web (192.168.2.1, 192.168.1.1 o altri simili) per gestire tutte le opzioni presenti nel software incluso. A volte, c'è un programma di gestione da installare, fornito su un CD o un DVD.
La prima cosa da fare è inserire i dati del provider ADSL, se abbiamo scelto un modem access point integrato. Poi potremo usare subito la rete Wi-Fi predefinita, il cui nome di solito richiama l'azienda che lo produce (Netgear, Cisco, TP-Link, etc.). La password, se presente, spesso è scritta su un adesivo che troviamo sul retro del dispositivo stesso. È opportuno cambiare il nome della rete e la password.

Reti e frequenze multiple

Gli access point moderni spesso hanno una tradizionale rete a 2,4 GHz e un'altra a 5 GHz. Quest'ultima ha una portata minore, ma soffre meno di possibili disturbi ed è generalmente più stabile: i produttori suggeriscono di usarla per lo streaming di video in Full-HD. Alcuni access point, inoltre, possono emettere anche una terza rete "per gli ospiti" - consigliabile agli esperti o allo specialista IT di piccole pensioni e Bed&Breakfast.
Una nota, infine, sulla compatibilità: anche gli smartphone e i tablet più vecchi funzionano con un access point di ultima generazione, grazie ad una retrocompatibilità pressoché universale.

Condividi
Seguici Su