Come scegliere la staffa di supporto giusta per il proprio tv

Guida all'acquisto
15/05/2017 Giulia Dalessandro 1391

Scegliere il supporto giusto per il proprio televisore può fare la differenza: fa risparmiare spazio e garantisce una corretta visione. Pochi passaggi per identificare quello adatto.

Abbiamo comprato un nuovo meraviglioso TV e ci accorgiamo che non si sposa con il nostro salotto? Oppure il mobile che utilizzavamo per il TV precedente è troppo piccolo? Vogliamo rinnovare gli interni delola nostra abitazione e non sappiamo più dove mettere il TV? Per queste domande la risposta corretta sta nella scelta del giusto supporto per il nostro televisore. Le staffe TV sono, infatti, la soluzione ideale per guadagnare spazio, per collocare alla giusta altezza il televisore e per rendere comoda e confortevole la visione. Fondamentale è però scegliere la posizione giusta del TV: deve essere visibile da più punti, lontano da fonti di luce e a una distanza adeguata dalla seduta.
 
 
Lo standard VESA Flat Display Mounting Interface
VESA è una sigla che indica la Video Electronics Standard Association, un consorzio di 225 produttori di televisori e monitor PC formatosi nel 1989 che, tra le altre cose, ha stabilito le dimensioni standard per il fissaggio di TV e monitor tramite supporti. Il nome ufficiale del sistema di montaggio per staffe e supporti TV sarebbe Flat Display Mounting Interface (FDMI), ma il nome dell’organizzazione è tuttavia diventato anche il nome comune dello standard. Il sistema aveva inizialmente solo due varianti, MIS-D 100 e MIS-D 75, che indicano la distanza in millimetri tra i vertici del sistema quadrato di fissaggio. Nel 2006 altri standard sono stati introdotti per adeguare le staffe TV alle crescenti dimensioni degli schermi. Specialmente negli ultimi due anni, Grazie al 4K e alle tecnologie LED e OLED, la tendenza è stata quella di allargare la superficie dello schermo assottigliandone allo stesso tempo lo spessore.
 
Elementi da prendere in considerazione per scegliere la giusta staffa TV
Come si leggono le specifiche dello standard VESA? Posizionare una TV a muro è davvero così difficile? Quali sono le caratteristiche da tenere in considerazione qualora vogliate acquistare un nuovo TV? E come capire qual è la staffa giusta per un TV già in vostro possesso?
 
Spesso le staffe informano indicativamente riguardo alla compatibilità a partire dal polliciaggio. Troviamo cose di questo genere: staffa a muro per TV da 32 pollici, staffa a parete inclinabile per TV da 50 pollici, supporto a soffitto per schermo da 60 pollici, e così via. Tuttavia l’informazione riguardante il polliciaggio potrebbe anche essere del tutto ignorata. Il primo e principale elemento da verificare è quale sia lo standard VESA compatibile con il nostro apparecchio. Viene sempre indicato con chiarezza ed è difficile sbagliarsi poiché esprime senza rischio di ambiguità la distanza espressa in millimetri tra i fori di montaggio posti sul pannello posteriore. Oltre ai formati già citati, oggi quelli più diffusi sono MIS-E (200 mm × 100 mm), ma soprattutto MIS-F, che può avere le seguenti varianti: 200 mm × 200 mm, 400 mm × 400 mm, 600 mm × 200 mm, 600 mm × 400 mm, 800 mm × 400 mm, 280 mm x 150 mm.
 
Peso, spazio e dimensioni
Oltre alle dimensioni VESA, è assolutamente necessario verificare che il peso del televisore venga opportunamente supportato dalla staffa e che la parete sia adeguatamente stabile. Infatti, è sempre meglio scegliere un muro portante o utilizzare tasselli e viti abbastanza lunghi e resistenti per fissare stabilmente l'apparecchio. In tutte le staffe e i supporti viene sempre indicato il peso massimo che sono in grado di sostenere. Ricordiamo, inoltre, di lasciare inoltre spazio sufficiente per la dispersione del calore: non ci devono essere ostacoli che possano bloccare le fessure di raffreddamento.
 
Staffa inclinabile e supporto girevole: le altre caratteristiche da tenere in considerazione
La soluzione più economica è sicuramente la staffa TV fissa, ma è poco pratica anche solo in caso di fasci di luce che possono disturbare la visione. Le staffe per i TV possono anche essere inclinabili o girevoli.

Nel caso di spazio ridotto, una staffa inclinabile può migliorare di gran lunga l'esperienza di visione. Se, per esempio, siamo costretti a fissare il TV in alto sulla parete, magari a un’altezza di 1.80 o 2 metri a causa della mancanza di spazio, una staffa orientabile con una inclinazione di 10-15° permette di fruire dello schermo con il corretto angolo di visione.

Altre volte, invece, può capitare che la posizione da cui guardiamo il TV non sia sempre la stessa. Prendiamo una situazione molto comune nel tinello degli italiani: può essere che la sera guardiamo un film sul divano, mentre durante i pasti, quando siamo seduti a tavola, la disposizione dei mobili e la conformazione della stanza ci obblighi ad accontentarci di un angolo di visione scadente. È sufficiente, in questo caso, un supporto per TV girevole e potremo tranquillamente guardare lo schermo in maniera ottimale in ogni momento. È sempre consigliabile, quindi, acquistare un supporto TV orientabile che consente di inclinare il televisore in tutte le direzioni grazie al braccio snodabile o alla piastra collegata direttamente al retro del TV.
 
Staffa a muro, a soffitto o colonna da pavimento? Una soluzione per tutte le esigenze
Le staffe TV possono essere da parete o da soffitto, in base alle diverse esigenze e all’altezza a cui si desidera posizionare l’apparecchio. Inoltre, anche se il formato FDMI è lo stesso per entrambe le tipologie di schermo, sono state studiate appositamente nuove staffe per i TV curvi, per un aggancio sicuro che combacia perfettamente con il retro, in modo da poter sfruttare al meglio questa innovativa forma.
 
Per i più pigri che vogliono restare comodamente seduti sul divano, invece, esistono staffe motorizzate regolabili con un telecomando. Se non si ha la sicurezza che la parete regga il peso o se non si vogliono effettuare fori, ci sono supporti TV da pavimento, anche questi fissi se terminano con un piedistallo o mobili se hanno le rotelle. Infine, anche il design vuole la sua parte: non solo staffe che si nascondo dietro il televisore, ma anche supporti che nascondono fili e spine, dotati di ripiani utili per il decoder, il lettore dvd e i telecomandi come le Ghost Design Meliconi, ideale per chi odia i cavi: è possibile nasconderli nelle canaline coprifili e posizionare tutti i dispositivi sugli appositi ripiani per apparecchi audio/video.
 
 
Quanto è complicato montare una staffa a parete per il TV?
Arrivati a questo punto, dovreste avere tutte le informazioni per capire come scegliere la migliore staffa TV per le vostre esigenze. Una volta scelta, manca solo l’installazione. Se siete in grado di montare una semplice mensola (oppure conoscete qualcuno in grado di farlo), seguendo i nostri consigli non incontrerete nessun problema.
 
Per alcuni, l’acquisto di un supporto per il TV può sembrare una cosa complicata, ma i fattori da tenere in considerazione sono davvero pochi. Praticamente tutti i TV, ma lo stesso discorso vale anche per i monitor dei computer, hanno il supporto rimovibile e la possibilità di essere fissati a supporto a parete o a soffitto. Un supporto VESA FDMI per installare il TV a parete è una soluzione molto comoda perché permette di risparmiare spazio, ma a guadagnarci è soprattutto l'estetica: un TV montato a parete dà un tocco elegante e sofisticato a qualsiasi salotto.